Gricignano

Unione “Atella” commissariata, il Pd si mobilita

PdGRICIGNANO. Nonostante sia appena al secondo appuntamento, il Coordinamento Atellano, costituito dai circoli del Partito Democratico di Cesa, Gricignano, Sant’Arpino, Succivo e Orta di Atella, sembra avere le idee piuttosto chiare sulla proposta di rilancio dell’Unione dei Comuni “Atella”, …

… della quale gli stessi Comuni fanno parte assieme a quello napoletano di Frattaminore.

A soli sette giorni dall’assemblea tenutasi nel circolo del Pd di Succivo, che lo ha tenuto a battesimo, il Coordinamento Atellano ha subito replicato riunendosi nella serata di venerdì 13 febbraio presso la sede del circolo del Pd di Gricignano, in piazza Municipio, manifestando la ferma volontà di scrivere al più presto la parola “fine” ad una situazione di stallo che rischia di far scomparire un grande progetto come quello dell’Unione dei comuni “Atella”.

Presenti alla riunione, oltre ai rappresentanti dei circoli Attilio Guida e Vincenzo Viglione (Gricignano); Gino Parisini (Cesa); Antonietta Adamo (Orta di Atella); Alessandro Balzano (Succivo), anche Cesario Oliva (Assessore dell’Unione dei Comuni); Salvatore Chiariello (consigliere dell’Unione dei Comuni); Carmine Froncillo e Cesario Bove (capigruppo del Pd nei comuni di Gricignano e Cesa, rispettivamente); Antonio Guida (membro della direzione provinciale del Pd) e numerosi esponenti di partito.

A seguito dei numerosi interventi, attraverso cui la riunione si è sviluppata, e preso atto – come sottolineato dall’assessore Oliva – “della priorità di superare l’attuale gestione commissariale che, giorno dopo giorno alimenta il pericolo che l’Unione scompaia definitivamente, privando il nostro territorio di uno strumento ora più che mai indispensabile al proprio rilancio”, il Coordinamento ha deciso di convocare entro termini brevissimi, indicando già in lunedì 16 febbraio il primo giorno utile, il commissario dell’Unione in modo da poter definire i punti necessari ad un rapido superamento della fase di commissariamento, per poter poi ripartire in maniera altrettanto celere con i lavori dell’Unione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico