Caserta

Tanzarella lo querelò: Corte d’Appello assolve Cuscunà

Sergio TanzarellaCASERTA. Finisce con una sentenza della Corte di Appello di Napoli, sezione 79, la querela che l’onorevole Sergio Tanzarella, eletto nelle file dell’Ulivo, presentò nel lontano 1995 contro l’onorevole Nicolò Antonio Cuscunà.

Quest’ultimo, oggi, assolto con formula piena insieme a Giuseppe Di Benedetto, già responsabile regionale di An per la sanità, perché il fatto non sussiste. La battaglia ingaggiata all’epoca contro gli amministratori della sanità portò l’onorevole Cuscunà a produrre in parlamento innumerevoli atti di sindacato ispettivo, avente proprio per oggetto “La malasanità in Campania”. Per informare la comunità lo stesso Cuscunà pubblicò a propria firma e con simbolo di Alleanza Nazionale un manifesto nel quale elencava una serie di casi eclatanti e chiamava in causa, quali corresponsabili, l’allora Assessore Regionale Mario Santangelo, il senatore casertano Ferdinando Imposimato e Tanzarella. Dei tre politici citati nel manifesto solo, l’onorevole Tanzarella ritenne il manifesto ingiurioso e lesivo della propria dignità, e sporse querela nei confronti dei firmatari del documento. Il provvedimento penale contro l’onorevole Cuscunà, del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, passò per competenza a Montecitorio dove ricevette il “non corso a procedere” perché ritenuto “atti espressi nell’esercizio delle proprie competenze parlamentari”; Ebbene a distanza di quasi 10 anni dal fatto, una sentenza di Corte Costituzionale riaprì i termini ed i processi a carico dei parlamentari; Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere in data 18.12.06 processò e condannò per diffamazione dell’ex parlamentare di sinistra Tanzarella, l’onorevole Cuscunà ed il dottor G. Di Benedetto. I condannati presentarono Appello alla Corte di Napoli per avere giustizia da una sentenza iniqua e lesiva della “Libertà d’espressione delle proprie opinioni”; l’11 febbraio scorso, dopo 14 anni, grazie anche alla dedizione con la quale ha seguito il caso a difesa l’avvocato Finizio di Tommaso, la Corte di Appello di Napoli sezione 79, ha processato ed assolto Cuscunà Nicolò Antonio e Giuseppe Di Benedetto, dei reati loro ascritti perché “il fatto non costituisce reato”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico