Caserta

Appalti, Giunta Provinciale delibera schema di stazione unica

Sandro De Franciscis CASERTA. La Giunta provinciale ha approvato nel corso della seduta di oggi lo schema di convenzione per la costituzione della Stazione unica appaltante, indicando la Prefettura di Caserta come sede ed Ente di coordinamento dell’organismo.

L’esecutivo ha deliberato l’atto di indirizzo all’unanimità, su proposta del presidente Sandro De Franciscis e dell’assessore alla Legalità e Trasparenza, Domenico Napolitano. Nella giornata di ieri De Franciscis aveva già riunito i capigruppo di tutte le forze politiche presenti in Consiglio, ricevendo un mandato pieno nella direzione della nascita della Stazione unica presso un’istituzione terza e imparziale. L’intesa prevede la totale cessione di sovranità in tema di appalti e la creazione di una centrale di committenza per lavori, servizi e forniture alla Provincia. L’iniziativa è aperta all’adesione degli altri Enti locali e, più in generale, delle altre stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori di Terra di Lavoro. L’obiettivo è di unificare le procedure di gara e di aumentare il grado di controllo per evitare eventuali infiltrazioni anche indirette della criminalità. La Stazione unica curerà le attività necessarie per l’acquisizione di lavori di importo pari o superiore a 100mila euro e per l’acquisizione di beni e servizi di importo pari o superiore a 50mila euro. Al fine di monitorare l’osservanza degli obblighi derivanti dalla convenzione, sarà nominato un Comitato di sorveglianza composto da cinque membri scelti tra magistrati, docenti universitari, avvocati e alti funzionari dello Stato. Sarà il Consiglio provinciale ad approvare in via definitiva la convenzione.

“La Giunta – commenta il presidente De Franciscis – ha compiuto un’ulteriore e decisa scelta di campo, approvando un atto che ribadisce e rilancia l’impegno portato avanti in questi anni a favore della legalità. Così poniamo in essere un nuovo e più efficace argine agli interessi della criminalità organizzata verso appalti e commesse degli Enti pubblici”. “La camorra si batte innanzitutto stroncandone le ambizioni economiche e l’adozione di queste misure – aggiunge il presidente – va nella direzione di togliere ogni possibile punto di contatto con la Pubblica Amministrazione. Come Provincia impegneremo specifiche risorse per sviluppare questa iniziativa, in piena collaborazione con i livelli istituzionali a noi sovraordinati”. De Franciscis esprime infine soddisfazione “per la totale condivisione del progetto da parte di tutte le forze politiche” e sottolinea il ruolo centrale che avrà il Consiglio provinciale nel dare impulso definitivo alla Stazione unica appaltante.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico