Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Carnevale a Caiazzo, abbozzato il programma

CarnevaleCAIAZZO. Ricco ed articolato il programma abbozzato in vista del Carnevale dalla Pro Loco in collaborazione con varie associazioni locali e che dovrebbe fregiarsi anche del patrocinio comunale.

Le carnascialate inizieranno alle ore 9,30 di domenica 22 febbraio, si spera in piazza Verdi, con il raduno dei gruppi mascherati in attesa dell’ arrivo di Re Carnevale, al quale uno scudiero consegnerà le chiavi della città. Alle ore 10,30 inizierà la sfilata delle coppie in maschera che, dopo aver attraversato il centro storico, si dirigeranno verso piazza Verdi dove la mattinata si concluderà con altre carnevalate tuttora allo studio degli organizzatori. In particolare si pensa alla rappresentazione dei “Mesi”, antico rito dialettale, anche propiziatorio, delle campagne caiatine, che potrebbe essere messa in scena dall’associazione Anspi S. Lucia retta dal consigliere Comunale Francesco Perrone. Al riguardo sarebbe stato rappresentato un problema insormontabile, consistente nell’impossibilità di trovare 13 asini, sui quali dovrebbero montare i “mesi” posti a cerchio ed al suo centro il capo paranza ma, mutatis mutandis, si potrebbe ovviare con altrettanti trattori. Dopo pranzo tutti si ritroveranno in piazza Verdi, dove a partire dalle ore 15,30 si susseguiranno: Pizza Acrobatica, Migliacciata con degustazioni di pop corn; musica, giochi e animazioni varie, balli latini, balli in maschera, karaoke e musica caraibica. La prima serata del Carnevale caiatino 2009 continuerà in piazza Verdi con pasta e fagioli offerta a tutti i presenti. Martedì 24 invece, ultimo giorno di Carnevale, alle ore 14,30 il raduno è programmato in piazza Porta Vetere, da dove alle ore 15,30 inizierà la sfilata in maschera diretta verso piazza Verdi dove è programmato lo svolgimento di altri divertenti giochi. Divertimento però destinato a concludersi con un funerale: quello del re Carnevale, che stavolta precederà il corteo nella sfilata lungo centro storico, destinata a sciogliersi in piazza Porta Vetere. A prescindere dalle varie iniziative, passibili solo di miglioramenti anche se, per motivi logistico organizzativi, gli organizzatori hanno dovuto rinunciare all’allestimento anche di un piccolo carro allegorico, va evidenziata in particolare la sinergia fra i vari sodalizi, in precedenza operanti senza alcun coordinamento e, quindi, spesso ostacolandosi a vicenda, sia pure in modo assolutamente involontario. Onore al merito dei responsabili delle varie associazioni organizzatrici o aderenti: “Pro Loco”, “Arca di Noè”, “CSI”, Oratorio “Maestre Pie Venerini”, Centro “Madre Claudia”, “Lella Friello”, “Anspi Emmaus”, “My Dream”, Azione Cattolica “Giovanni Paolo II”, “Tabor”, “Arcobaleno”, ospiti “Villa degli Ulivi”, “Matrix” e ristorante bar “Il Vicoletto”. Peccato solo che ancora non risulta emanata alcuna ordinanza atta a vietare la vendita e l’impiego di bombolette schiumogene spray, uova marce, frutta ed altri oggetti impropri, permettendo intanto ai commercianti di approvvigionarsi e quindi essere indotti comunque alla commercializzazione di tali prodotti, come d’altronde si verifica da vari anni. Ma anche questo sarà distintivo del buon vivere caiatino. Purché non lo vengano a sapere quelli delle città slow.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico