Aversa

Crisi in An, “amarcord” di Cannavale

Pino CannavaleAVERSA. Dopo il terremoto politico innescatosi ad Aversa a seguito della defenestrazione di Michele Galluccio dalla carica di capogruppo consiliare di Alleanza nazionale, il partito di Fini nella città normanna appare diviso in due e disorientato.

A riguardo raccogliamo le riflessioni, unite ad un pizzico di amarcord, di Pino Cannavale, in passato consigliere comunale in An e candidato, un decennio fa, alle elezioni provinciali tra le fila alleanzine.

“La crisi che sta attraversando Alleanza Nazionale – afferma Cannavale – rappresenta solo l’esito dell’ormai mutato clima nel partito in cui per anni ho militato. Una volta c’era la sensazione forte di appartenere tutti ad una causa comune o ad uno stesso modo di vedere le cose, la vita. Nei circoli, nelle sezioni dell’Agro, come altrove, si era instaurato uno spirito di fratellanza che ci portava a riconoscerci e ad abbracciarci in qualsiasi posto ci si potesse incontrare: cinema, ristoranti, luoghi di villeggiatura e così via.. C’era amicizia, c’era unione. Poi, le cose sono cambiate. Si è dato spazio ai personalismi, agli interessi del singolo, a trascurare del tutto la città e quel legame tra i militanti che, invece, era la forza di Alleanza Nazionale. Hanno fatto strada le persone che più di altre hanno agito con spregiudicatezza ed indifferenza verso la città ed il partito stesso, costringendo chi non avesse uguale visione delle cose ad andare via, come è capitato di dover fare al sottoscritto e a tanti altri che, oggi, al di fuori di An, guardano il loro vecchio partito con rammarico”.

Quindi, per Cannavale l’involuzione politica in An sarebbe stata determinata, prima di ogni cosa, da un deterioramento dei rapporti umani. “La politica la fanno gli uomini – precisa l’ex alleanzino – e quando il rispetto e i valori, l’attaccamento alla città sono venuti meno il resto è stato una tragica conseguenza ,sino alle cronache di questi giorni ,dove chi per primo ha adottato certi sistemi ora si vede travolto da un gioco che egli stesso aveva contribuito a portare con altri in Alleanza Nazionale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico