Sant’Arpino

La “Casa della Vita” di scena nell’aula consiliare

 SANT’ARPINO. Grande successo lo scorso sabato 10 gennaio per lo spettacolo realizzato dall’associazione “Casa della vita” e patrocinato dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Eugenio Di Santo.

“Una divina commedia”, questo il titolo della rappresentazione che, per la prima volta, è stata ospitata dalla sala consiliare della casa Comunale in Via Mormile. Una rivisitazione di alcuni passi della Bibbia che ha visto come protagonisti i ragazzi e i volontari dell’associazione “Casa della vita” e che ha letteralmente entusiasmato la platea regalando due ore di spensieratezza e di divertimento. Una sala consiliare gremita ha assistito allo spettacolo e ha applaudito alla bravura e alla naturalezza con cui i protagonisti hanno proposto la loro personale interpretazione della Bibbia.

 “E’ stato un piacere immenso – hanno dichiarato l’assessore alle politiche sociali, Aldo Zullo, e il consigliere delegato alla 328, Salvatore Lettera – vedere i sorrisi di quei ragazzi e un grande orgoglio, per noi e l’intera amministrazione comunale, aver dato loro la possibilità di dare vita al loro spettacolo nella sala consiliare del Comune. L’associazione Casa della vita ha avuto in passato e continuerà ad avere l’appoggio della nostra Amministrazione per tutte le attività che saranno realizzate. Il nostro impegno è quello di sostenere tutto quanto verrà realizzato e far sì che l’associazione possa dare vita, sempre più spesso, a progetti come questo che regalano sorrisi e divertimento alla nostra comunità.Bisogna condividere e coltivare la solidarietà verso chi ne ha bisogno e raccogliere le energie perché, le associazioni che lo fanno quotidianamente, abbiano gli strumenti per continuare a farlo. Casa della vita è una di queste e l’impegno e la volontà di tutti coloro che ne fanno parte sono la testimonianza concreta del contributo che questa associazione fornisce all’ intera comunità santarpinese. Il nostro plauso – hanno concluso Zullo e Lettera – va alla Presidente dell’associazione, Celeste Moccia, per l’impegno che dimostra ormai da anni e, ovviamente, al direttore artistico, Gennaro Capasso, per la professionalità e la semplicità con cui riesce ogni volta a realizzare questi spettacoli dimostrando che, anche con i pochi strumenti a disposizione, si può ottenere un grande risultato come quello dello scorso sabato”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico