Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Dipendenti, Fi attacca l’assessore Capuano

Antonio Capuano MONDRAGONE. “L’assessore al personale Antonio Capuanodovrebbe garantire il rispetto delle regole nei confronti dei dipendenti del Comune di Mondragone”. Lo scrive, in una nota, il coordinamento cittadino di Forza Italia.

“Il Regolamento Comunale sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, tuttora vigente, è stato giustamente utilizzato tempo fa dall’Amministrazione Cennami per rimodulare l’assetto organizzativo dell’Ente attraverso la ricostituzione formale e funzionale delle Ripartizioni.

TaleRegolamento, tra le altre cose, stabilisce che a ciascun Responsabile di Ripartizione compete la partecipazione alla contrattazione collettiva decentrata quale membro della delegazione di parte pubblica, nonché disciplina che quest’ultima debba essere formata da tutti i Responsabili delle Ripartizioni.

Purtroppo, però, con la consueta superficialità ed approssimazione, il Sindaco Cennami ed il suo Esecutivo, con apposita delibera di giunta comunale, provvidero alla ‘costituzione della delegazione trattante di parte pubblica’ senza che la stessa potesse essere conforme al suddetto Regolamento Comunale.

Per tali motivazioni, il gruppo consiliare ‘Forza Italia verso Il Popolo della Libertà’ propose all’intero Consiglio Comunale di deliberare affinché la Giunta si impegnasse a revocare la citata delibera in quanto la stessa non risultava essere affatto conforme ai dettami sanciti dal suddetto Regolamento o, in alternativa a ciò, che l’Esecutivo si impegnasse a modificare espressamente tale Regolamento che, tra l’altro, così come disciplinato dalla Legge, risulta essere molto semplice in quanto la relativa competenza non appartiene al Consiglio Comunale.

La mozione ‘azzurra’ fu bocciata ma, ben presto, ebbe grande ragione in quanto la ridotta rappresentanza e la scarsa partecipazione in seno alla delegazione trattante, segnali lampanti di poca democrazia del centro sinistra al governo, hanno generato un significativo ‘braccio di ferro’ – tuttora in atto – con l’intero Comando di Polizia Municipale che si è spinto finanche in altre sedi.

Ma non è tutto, lo scorso 12 gennaio, gli attuali amministratori integravano la precedente delibera e, non potendo evitare di evidenziare qualcosa, ci preme ribadire che per l’ennesima voltail Sindaco Achille Cennami ed i suoi Assessori nonritengono per niente opportuno rispettare le regole!

Non intendiamo neanche entrare troppo nel merito di ciò che è stato da loro deciso nei primi giorni del nuovo anno, in quanto riteniamo che l’atto assunto sia finalizzato soltanto ad imporre qualche altraassurda decisione futura che colpirà idipendenti, contrariamente alle funzioni di garanzia ed allo spirito di concertazione dell’organismo a cui si riferisce.

Non è possibile che l’attuale Amministrazione continui a deliberare e ad integrare quanto stabilito precedentemente senza preoccuparsi di modificare espressamente il Regolamento Comunale vigente in materia di personale che prevede tutt’altre procedure rispetto a come si sta comportando, dall’inizio della consiliatura, chi prova soltanto a far credere di governare Mondragone!”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico