Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Incontro Spagna-Interporto al centro ‘Campania’

la delegazione spagnola in visita a CasertaMARCIANISE. Si è tenuto mercoledì mattina, presso la sala 8 del Multiplex Cinepolis, all’interno del centro ‘Campania’, l’incontro pubblico tra la delegazione di Operatori della Logistica e di Autorità spagnole di Saragozza ed i responsabili dell’Interporto Sud Europa.

Un’iniziativa fortemente voluta dal Sottosegretario di Stato agli Esteri, onorevole Enzo Scotti, e dal Presidente dell’Unione Interporti Italiani, Alessandro Ricci. L’appuntamento si inserisce nell’ambito delle iniziative di studio che la città spagnola di Saragozza, con la sua piattaforma logistica Plaza, sta avviando nel nostro Paese con particolare riguardo al Mezzogiorno d’Italia come futuro potenziale partner di scambi internazionali.

La delegazione è stata in mattinata ospite del management dell’Ise per un confronto sulle tematiche connesse alla logistica e all’intermodalità delle merci, vera, grande potenzialità di sviluppo economico per i Paesi in grado di attuarla. Non a caso la scelta dell’Interporto di Maddaloni-Marcianise capace di captare un importante volume di merci attraverso anche il naturale raccordo strutturale con il più grande scalo ferroviario dedicato al trasporto merci d’Italia.

Ne è convinto il Presidente dell’Unione Interporti Italiana, Alessandro Ricci che ha affermato: “L’Interporto casertano è lo snodo principale cui fa riferimento l’intero sistema logistico del Paese. Nell’insieme degli interporti, l’ISE rappresenta lo sbocco principale delle merci che transitano sul corridoio 1 sulla traiettoria Berlino Palermo ma anche l’anello prioritario di congiunzione dei traffici del Mediterraneo diretti verso il Nord del Paese o verso le regioni occidentali e dell’Est europeo collegati attraverso il corridoio 5. Con ed insieme alla struttura di Caserta, l’Italia può imporsi sulla scena mondiale come grande attrattore del traffico delle merci”. Parola d’ordine di questo sviluppo futuro: la sinergia.

“Tutti gli Enti preposti alla crescita economica e produttiva del nostro Paese sono chiamati ad un importante ruolo propulsivo in tema di cooperazione per l’internazionalizzazione del traffico delle merci”, è la considerazione di Vincenzo Schioppa, Ministro Plenipotenziario agli Esteri che ha chiamato in causa il Governo e gli enti locali su tutti ma anche le altre strutture funzionali ad una logistica integrata.

Appello immediatamente raccolto dal Sindaco di Maddaloni, Michele Farina. che anche a nome della Provincia di Caserta che rappresenta in qualità di esponente dell’esecutivo assicura: “Il territorio ha compreso non da molto le immense potenzialità insite nel grande progetto che è l’Interporto Sud Europa, posso però garantire che l’amministrazione comunale che rappresento ed insieme, l’Ente provinciale di Terra di Lavoro, credono fortemente e da sempre che il futuro di quest’area dipenda anche dal rapido sviluppo della nostra struttura intermodale. Con oggi si apre un nuovo fronte di crescita internazionale anche grazie al gemellaggio, la cui idea rilancio, tra la città spagnola di Saragozza e Maddaloni-Marcianise. Siamo convinti che il gioco di squadra che finalmente si sta mettendo in campo possa avviare l’Ise a diventare il più importante luogo di transito delle merci d’Europa ed a questo territorio la realizzazione delle sue legittime aspettative di sviluppo e di occupazione”.

In conclusione, il Sindaco Farina ha ricordato l’avvio, sempre in tema di Interporto Sud Europa, dei lavori per la realizzazione dello svincolo dedicato sulla A30 che doterà Maddaloni, di un proprio casello autostradale. Ad accompagnare la Delegazione spagnola in visita al nostro Paese, l’ambasciatore d’Italia in Spagna Claudio Moreno che, dopo aver sottolineato la serietà con cui il Governo spagnolo ha voluto ed organizzato il tour casertano, spiega: “Abbiamo avuto modo in queste ore di constatare l’organizzazione che ruota intorno al traffico delle merci nel Sud Italia e siamo convinti – ha anticipato – di aver già le basi necessarie per avviare da subito una collaborazione molto stretta e fruttuosa con l’Ise”.

Obiettivi confermati anche da Alfonso Vicente, Presidente di Plaza, la piattaforma logistica di Saragozza realizzata in massima parte con finanziamenti pubblici e che in soli 5 anni è riuscita ad avviare un’altissima percentuale di attività: “La nostra è una società giovane che solo da pochi anni si è affacciata nel mondo della logistica e dell’intermodalità. Si spiega in questo senso la visita programmata per oggi a Caserta presso una struttura che invece esiste già da tempo e che nel tempo ha consolidato la sua importanza a livello europeo. Riteniamo di avere a Saragozza, città di 700 mila persone ma con un bacino di oltre 20 milioni di utenti ed uno scalo aeroportuale a chilometri zero, grandi aspetti di comunione con Caserta ed il suo Interporto. Per questo – ha concluso – invito sin d’ora il vertice dell’Ise ad essere nostri ospiti in Spagna di modo da avviare da subito, una proficua e si spera anche duratura collaborazione”.

“Constatiamo oggi ancora una volta il grande impegno dalla nostra associazione italiana degli interporti e del ministero degli Esteri supportati dal sottosegretario Scotti – ha dichiarato Salvatore De Biasio, Presidente dell’Ise – per questa coniugazione di interessi sulla logistica della Spagna verso l’Italia e viceversa. Il nostro Interporto è oggi, centro di accoglienza degli interessi delle autorità spagnola e della diplomazia italiana, quale riconoscimento del grosso impegno imprenditoriale reso dal Gruppo Barletta al servizio della pubblica utilità. La presenza della autorità locali, delle forze dell’ordine, delle forze politico parlamentari è segno ulteriore di apprezzamento di quanto oggi abbiamo fatto per il territorio con positivi risvolti per l’occupazione”.

E per il futuro? “Il 2009 ci vedrà ulteriormente e fortemente impegnati in questa direzione. – spiega Giuseppe Barletta, azionista di riferimento del Gruppo – Il radicamento del nostro interporto nell’ambito delle relazioni commerciali internazionali ci convince sempre più che è questa la strada giusta e ci da ragione degli anni spesi nello studio prima, nella realizzazione poi e nel consolidamento ora di questa strategica opera di interesse pubblico che è l’Interporto Marcianise-Maddaloni”.

All’iniziativa hanno partecipato tra gli altri, Fernando Gimeno, Consigliere di Presidenza del Municipio nonché Vicesindaco della città di Saragozza, Carlo Esco, Viceconsigliere alle Opere Pubbliche e Consigliere delegato di Plaza, Riccardo Garcia, Direttore di Plaza, Cosimo Risi, Consigliere diplomatico del Presidente della Regione Campania, Giancarlo Cangiano, Consigliere di Amministrazione Gruppo Barletta e Raffaella Nocca, Segretaria Generale dell’Unione Interporti Riuniti. L’appuntamento a Caserta della delegazione si è concluso in serata dopo una visita effettuata all’interno della struttura intermodale dell’Interporto Sud Europa.

Un’occasione per vedere da vicino i meccanismi di funzionamento dell’opera casertana con particolare riguardo alle interconnessioni tra gli operatori e gli scali merci (dell’Ise e ferroviario) interni alla struttura.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico