Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Fotografia “Capodrise Ieri e Oggi: mezzo secolo storia”

Pina FarinaCAPODRISE. Si è dato il via in questi giorni, presso la biblioteca Comunale di Capodrise il corso di fotografia “Capodrise Ieri e Oggi: mezzo secolo di storia”, a cura dell’associazione “Noi Voci di Donne”.

Ad accogliere i partecipanti, la presidente dell’associazione Pina Farina, nelle vesti di tutor del progetto, che ha presentato il programma e i punti salienti del corso. Il lavoro che faremo in questi mesi, risulta già di importante rilievo, in quanto, metteremo a confronto mezzo secolo di storia del territorio. Partiremo dal 1946, quando Capodrise venne ricostruita a Comune, dapprima frazione di Marcianise, ha spiegato Pina Farina, si procederà attraverso una raccolta di fotografie tratte dagli album di famiglia dei residenti, con l’intendo di stimolare la formazione di un archivio della memoria territoriale e attraverso fotografie domestiche, ricercare le radici antropologiche e il rapporto fra abitanti e abitato. Un percorso storico fatto con attenzione e professionalità grazie alla collaborazione di un esperto di grafica e fotografia digitale, il prof. Giovanni Pastore che ha iniziato i lavori laboratoriali di questo singolare progetto, descrivendo i primi pionieri della fotografia che nei primi decenni dell’800 hanno scoperto questo nuovo procedimento per fissare le immagini mediante l’influsso chimico della luce e mostrando agli allievi le caratteristiche della prima macchina fotografica.
Il Sindaco Giuseppe Fattopace dice: stiamo cercando di dare il meglio alla nostra piccola città, istruzione e formazione molto presto diventeranno il fiore all’occhiello, grazie anche alla tecnologia, che negli ultimi tempi sta facendo grandi passi nella nostra città, infatti, da poco è attivo presso la nostra biblioteca Comunale il centro CAPSDA. Il centro CAPSDA offre gratuitamente a tutti i cittadini gli strumenti per accedere alle opportunità offerte dal mondo digitale, in particolare il centro facilita l’utilizzo delle nuove tecnologie fra tutti quei cittadini che ne rimangono spesso esclusi per ragioni anagrafe, geografiche, economiche e culturali.
La nostra città necessitava di uno strumento così importante che dispone di postazioni dedicate unicamente ai disabili dice Paola Pontillo, assessore alle politiche sociali, ed è per questo che abbiamo attivato il primo corso di fotografia, che racconterà la storia della nostra città.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico