Italia

Racket del “caro estinto”: 22 arresti a Caserta

Un carro funebreCASERTA. I carabinieri di Caserta hanno sgominato un’organizzazione che, attraverso la corruzione di infermieri in servizio all’obitorio dell’ospedale civile San Sebastiano, gestiva in modo monopolistico il mercato delle onoranze funebri.

22 gli arresti eseguiti dall’alba di stamani, tra cui tre infermieri dell’ospedale di Caserta e titolari e dipendenti di ditte di onoranze funebri del casertano e del napoletano. Per loro le accuse di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, estorsione e illecita concorrenza. Notificati anche otto divieti di dimora nella provincia.

Secondo l’ordinanza emanata dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il “sistema” si basava proprio sugli infermieri che, in cambio di 200 euro “a salma”, avvisavano le ditte del decesso dei pazienti, fornendo ai titolari anche i recapiti dei congiunti degli estinti. Il loro guadagna poteva raggiungere anche i 6mila euro al mese.

Le imprese funebri coinvolte sono Vecchione di Santa Maria Capua Vetere e altre della zona dell’agro aversano e di Marcianise, tra cui Last Travel, Cerreto, Imparato Funeral Home, Ferrara, Corvino, mentre gli infermieri tratti in arresto sono Antonio Chianese e Antonio Cammarota di Caserta e Domenico De Marco di Castel di Sasso.

L’inchiesta è partita a seguito delle denunce di titolari di altre ditte di onoranze funebri che hanno spiegato le tante illegalità che si perpetravano in questo campo nel casertano. Nell’inchiesta vengono citati anche episodi di minacce e violenze a ditte che non facevano parte dell’organizzazione, come ad esempio il “furto di salme”.

Un episodio eclatante avvenne nel dicembre 2007, a Lusciano, città dell’agro aversano, quando fuori da una chiesa, nel pieno svolgimento di un funerale, i dipendenti di una ditta furono minacciati e costretti a “trasbordare” la salma di un’anziana da un carro funebre all’altro.

Il racket del “caro estinto”, non bisogna dimenticare, nel casertano e nel napoletano spesso fa parte dei business gestiti dalla camorra.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico