Italia

Fiat sigla l’accordo con Chrysler

FiatMILANO. Fiat e Chrysler hanno firmato un preliminare di accordo non vincolante per stabilire un’alleanza strategica globale.

In base all’accordo, che sarà completato entro il mese diaprile,la casa torinese rileverà il 35% del costruttore americano, con un’opzione per salire fino al 55% del capitale da esercitare più avanti.

Ad anticipare la notiziaera stato il Wall Street Journal, determinando una sospensione del titolo Fiat a Piazza Affari. Secondo le indiscrezioni finora circolate, l’accordo consentirebbe a Chrysler di accedere alle piattaforme Fiat, dalle piccole all’alto del medio di gamma, passando per i suoi motori e le trasmissioni. Da parte sua, la casa torinese, oltre all’ingresso nel capitale di Chrysler, avrebbe la possibilità di vendere negli Usa l’Alfa Romeo e la Fiat 500, anche grazie al taglio dei costi che si verrebbe a registrare con la condivisione dei siti produttivi con il costruttore americano.

Secondo il Wall Street Journal, i risparmi derivanti dall’operazione sarebbero fra i 3 e i 4 miliardi di dollari. Per il quotidiano americano, l’eventuale accordo con Fiat migliorerebbe l’immagine della Chrysler agli occhi del Governo americano, che di recente gli ha elargito un prestito di 4 miliardi di dollari. Tra l’altro, per entrambi i costruttori sarebbe una mossa difensiva per la sopravvivenza di lungo termine.

“Chrysler e Fiat sono simili e, in qualche modo, complementari. – scrive il quotidiano – Chrysler opera prevalentemente in nord America e i tre quarti delle sue vendite sono legati a camion, minivan e sport utility-vehicle. Fiat è specializzata in auto piccole e medie. Ambedue le società beneficerebbero di un maggiore volume di vendite globale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico