Gricignano

Giunta, si aprono la verifica e…futuri scenari

Una seduta consiliareGRICIGNANO. “Il prossimo candidato a sindaco non può che essere del Pd”. E’ il monito lanciato dai democratici a margine della riunione tenutasi l’altra sera nella sede di Piazza Municipio.

Riunione che ha visto a raccolta, oltre a dirigenti e iscritti, tutti gli assessori e i consiglieri comunali del partito.

Andrea Lettieri

Andrea Lettieri

Assente il sindaco e assessore provinciale Andrea Lettieri che, dalla scomparsa della Margherita, finora non ha mai aderito ufficialmente al Pd, e che, secondo alcune voci, sarebbe in “pausa di riflessione”.

Una posizione, quella del primo cittadino, che viene criticata da tutti gli alleati, compreso il Pd, poiché Lettieri sembra disinteressato a risolvere una possibile nuova crisi, determinata dalle pretese di “vecchi” e “nuovi” componenti della maggioranza, che potrebbe sortire effetti ben più gravi di quella invece risoltasi nei mesi scorsi, culminata con le sue dimissioni, poi ritirate.

La verifica amministrativa e l’eventuale rimpasto in giunta, infatti, sono al centro del dibattito avviato da tutte le forze di maggioranza: Pd, Udc e Udeur.

da sin. Froncillo e Guida

C. Froncillo e A. Guida

Partendo dal Pd, solo all’interno di questo partito ci sono due “fazioni”: quella degli assessori in carica (Giuseppe Barbato, Andrea D’Angelo, Francesco Di Luise), che non vogliono mollare in virtù della loro militanza “storica” tra le fila dell’attuale maggioranza e dei risultati conseguiti alle passate elezioni, e quella delle “new entry”, Antonio Guida e il capogruppo consiliare Carmine Froncillo, di recente trasmigrati dall’opposizione alla maggioranza, che chiedono spazio in quella che considerano una “nuova maggioranza”, diversa da quella eletta alle amministrative. Ma tra le due parti ci sono anche delle opinioni comuni: innanzitutto che occorre la verifica, che il Pd non debba cedere alcuna delega finora detenuta in giunta (lavori pubblici, sport-spettacolo-cultura, affari generali), e che il partito debba puntare ad avere il sindaco alle prossime amministrative, quando Lettieri, esauriti due mandati consecutivi, non potrà più ricandidarsi. Proprio su quest’ultimo punto il Pd potrebbe essere chiamato ad una svolta: creare un’alleanza politica di centrosinistra, quindi assieme all’Udeur (e magari anche con lo Sdi dell’ex sindaco Andrea Moretti), scaricando l’Udc, oppure rinsaldare l’asse con lo scudocrociato, con il quale è praticamente alleato sin dall’inizio del primo governo Lettieri.

da sin. Barbato, D'Angelo e Di Luise

G. Barbato, A. D’Angelo, F. Di Luise

C’è chi all’interno dei democratici preferirebbe la prima scelta, perché si porrebbe fine ad una “anomalia” politica e, soprattutto, perché anche l’Udc punta ad avere il sindaco alle prossime amministrative, con l’attuale assessore Giacomo Di Ronza in pole position.

Ma, a prescindere da questo, e considerando che “la coperta è corta”, il messaggio del Pd è chiaro: appoggeremo, nell’ambito della verifica, solo chi alle prossime amministrative accetterà la nostra leadership.

Nel frattempo, in casa Udeur, i consiglieri Luigi Diretto e il capogruppo Luigi Autiero hanno chiesto “importante visibilità” al sindaco. Tradotto: l’Udeur vuole il vicesindaco, ad oggi nelle mani dell’Udc con Francescantonio Russo.

da sin. Diretto e Autiero

L. Diretto e L. Autiero

Una pretesa che il partito di Mastella ritiene legittima in virtù di un accordo preso in campagna elettorale con Lettieri ma che oggi, alla luce degli stravolgimenti avutisi all’interno della maggioranza, potrebbe ritenersi superata seppur politicamente valida. Tra l’altro, l’Udc non è disposto a farsi strappare il vicesindaco, anzi, ne chiede la riconferma, o con lo stesso Russo o, eventualmente, con Di Ronza. Mentre per il Pd la richiesta dell’Udeur “si può discutere”.

In questa lotta, poi, i tre partiti certamente non mettono da parte i due indipendenti Giuseppe Buonanno (assessore ai servizi sociali) e Nicola Cristiani (assessore nell’Unione de Comuni ‘Atella’), chiedendo al sindaco di coinvolgerli nella verifica e nel successivo rimpasto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico