Caserta

Acms, Polverino invoca Commissione d’Inchiesta

Angelo PolverinoCASERTA. L’Acms è di nuovo nell’occhio del ciclone. A seguito delle indagini della Procura di Santa Maria Capua Vetere per truffa aggravata, in cui sono coinvolti i dirigenti dell’Azienda, …

… An, attraverso il Consigliere regionale, Angelo Polverino, chiede un intervento urgente affinché arrivi con in aula la sua proposta di istituire una Commissione d’inchiesta in base all’art.26 dello Statuto della Regione Campania, presentata a novembre.

“Capisco – sostiene il Consigliere – che a qualcuno faccia comodo bloccare gli accertamenti sulla gestione dell’Acms da parte della Regione, ma non si può più attendere. L’Acms è diventata l’azienda più lercia della provincia, per precise responsabilità politiche. Non entro nel merito degli avvisi di garanzia. La giustizia farà il suo corso. Ma è interesse di tutti chiarire i fatti recenti e passati. Più si va avanti e più la situazione si incancrenisce. La politica deve andare fino in fondo sull’operato dell’ente fallito. Se De Franciscis e Bassolino continuano a tenere la testa sotto la sabbia, non fanno altro che aggravare la situazione . Oggi hanno tutti contro, persino i sindacati che in passato hanno chiuso un occhio sulle promozioni facili. La gestione degli ultimi anni, quella iniziata con la Presidenza De Franciscis, deve essere sottoposta in fretta al controllo della Regione. I nove milioni, messi a disposizione dalla Provincia, servono solo a rallentare l’agonia e ad alimentare false attese. Sono quelle boccate di ossigeno che ogni tanto la Regione e la Provincia concedono per evitare che un’altra tegola pesante si abbatta sulla disfatta della sinistra”.

Con la nota di sollecito inviata al Presidente del Consiglio Regionale, Sandra Mastella, Angelo Polverino ricorda che la Commissione è stata proposta per far luce sulla conduzione amministrativa dei liquidatori, che, da anni, si sono avvicendati, dopo la scadenza naturale dell’ultimo Consiglio di Amministrazione dell’Acms. “Non mi stancherò mai di ricordare – aggiunge Polverino – che la liquidazione dell’azienda è gravata da una massa debitoria di poco inferiore ai 40 milioni di euro. Oltre 13 milioni devono essere corrisposti all’Inps e circa 20 milioni sul trattamento di fine rapporto lavoro sono prelevati mensilmente dalle buste paghe dei dipendenti, ma non accantonati”.

Si annunciano nuovi sviluppi da parte della Procura, dopo la presupposta falsificazione dei fogli di viaggio dell’azienda trasporti, per ottenere i contributi. Lo scandalo potrebbe allargarsi e non fermarsi solo al Direttore del personale ed al Direttore della stessa Acms.

“Sono solo ipotesi e non si può ragionare sulle ipotesi. – conclude l’alleanzino – Serve altro. C’è bisogno che il pentolone sia scoperchiato fino in fondo. Chi ha originato nell’Acms consolidate logiche di gestione, alla fine pagherà per tutti i disastri che ha combinato. Non è possibile che, a fronte di una situazione così drammatica, che può mettere sul lastrico tante famiglie e indebolire ancora di più la provincia di Caserta, nessuno interviene. E’ una querelle che dura da troppo tempo, nonostante i buoni propositi della minoranza, che ha presentato la sua proposta per rimettere in moto l’azienda del trasporto pubblico casertano”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico