Aversa

Il 6 febbraio incontro col movimento “Con Rabbia e Frustrazione”

Porta NapoliAVERSA. “Con rabbia e frustrazione, con angoscia ed impotenza, abbiamo vissuto tra montagne di rifiuti. Come se fossero esse stesse la rappresentazione plastica del profondo abbandono etico e umano che sta consumando come un cancro l’intero tessuto civile del nostro territorio.

Le istituzioni e la politica sono oramai estranee alle domande dei cittadini: tra questi cumuli di rifiuti, reali e metaforici, esse hanno seppellito quotidianamente i diritti, la legalità, la solidarietà, i beni comuni; sotto questi cumuli di rifiuti esse hanno piegato ogni giorno di più i nostri corpi e le nostre anime alla esclusiva logica del vantaggio personale, dell’arricchimento, del privilegio, della sopraffazione. Chi governa è attore diretto di questa predazione del bene pubblico. Chi si dovrebbe opporre non lo fa, anzi spesso è complice di chi governa. Non c’è più distinzione tra maggioranze ed opposizioni e in questo magma indistinto a morire è la democrazia e lo stesso tessuto civile di una città e di un intero territorio. Noi pensiamo che questo stato di cose non sia irreversibile, né ineluttabile, né ci rassegniamo all’impotente indifferenza diffusa. Pensiamo invece che questo territorio e la sua gente abbiano ancora il coraggio, le energie e le intelligenze per essere protagonisti di un processo di risanamento e di ricostruzione di una rete di relazioni civili, sociali e culturali. Occorre quindi incominciare un nuovo cammino”.

Queste le riflessioni, riportate in una nota, dal neo costituito movimento civico “Con Rabbia e Frustrazione”, che invitatutti quelli che ne condividono lo spirito ad aderire a questo appello e a partecipare ad un incontro pubblico venerdì 6 febbraio, alle ore 18.30, presso il locale “Metrò” in Viale Kennedy 160 (di fronte ex Texas). “Un momento di discussione e confronto – affermano dal comitato – nel merito delle questioni aperte e della verifica della possibilità di costruzione di un nuovo processo di cambiamento”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico