Sant’Arpino

Di Santo al Pd: “Solo falsità e autogol clamorosi”

Eugenio Di SantoSANT’ARPINO. È Il sindaco di Sant’Arpino, Eugenio Di Santo, a rispondere al volantino della locale sezione del Partito Democratico.

“Quando ho letto il testo distribuito dal Partito Democratico – dichiara il primo cittadino atellano – mi è venuto da pensare che a scrivere quest’ennesimo collage di falsità, sia stati qualche militante del Pd di Roccasecca o un alieno, visto che non possono essere state certamente le persone che hanno amministrato fino allo scorso aprile. In questo documento, infatti, sono contenute tutta serie di domande che andrebbero rivolte solamente ad una persona l’ingegner Giuseppe Savoia che sicuramente ne sa più di tutti in materia vista la sua lunga esperienza al governo di Sant’Arpino.

A mo’ di promemoria do una mano al mio predecessore per ricordagli come realmente stanno le cose.

Partendo dalla questione riguardante gli addobbi natalizi è doveroso rimarcare come siano stati utilizzati tutti quelli in dotazione del comune. Gli esponenti della minoranza però dimenticano di dire che questa grande dotazione è composta da poche stelle natalizie. La verità è che nessuno negli anni addietro si era accorto che c’era qualche addobbo nel periodo natalizio per le nostre strade, talmente ne erano pochi, oltre che del tutto mancanti sia nelle arterie periferiche che sulla facciata e all’interno del monumento simbolo del nostro comune: il palazzo ducale. L’investimento sostenuto quest’anno, oltre a portare un grande risparmio per il futuro, per la metà ci sarà rimborsato dalla Camera di Commercio di Caserta, come da accordo già siglato.

La cosa che più infastidisce gli esponenti del Partito Democratico è il fatto che in pochi mesi di nuova amministrazione il paese sta già assumendo un nuovo aspetto, e per questo tendono a sminuire tutto quanto facciamo. Emblematico è il caso di quella che loro definiscono una semplice pulizia del palazzo ducale. Una ripulita con la quale abbiamo rimosso scarti e rifiuti che erano presenti sin dal lontano 1996.

A proposito del ‘Sanchez de Luna’ veniamo al clamoroso autogol del Pd. I nostri oppositori ci chiedono lumi sui lavori riguardanti l’area interna. Ebbene, i cittadini debbono sapere che tali interventi erano già stati finanziati, ma che i soldi (circa 250mila Euro) sono andati persi perché non si è provveduto ad indire la gara d’appalto entro il termine ultimo fissato dalla Regione: il 31 dicembre 2007, data in cui al governo c’erano Savoia e soci.

Ma questo non è che uno dei tanti casi di sprechi nell’ambito dei lavori pubblici. In questi giorni, infatti, ci stanno arrivando tante letterine natalizie per il pessimo svolgimento di lavori quali la metanizzazione, la rete idrica, quella fognaria e i lavori in via Ziello, solo per citarne alcuni. Tutte opere che la giunta Savoia doveva solo portare a termine, seguendo le direttive e i progetti della giunta Dell’Aversana. Obiettivo non solo clamorosamente fallito, ma svolto anche in maniera disastrosa.

Passando alla questione degli sprechi, ricordo a chi si serviva di una vera e propria corte dei miracoli. Oggi non c’è alcuna segretaria sul Comune di Sant’Arpino in quanto l’impiegata che prima era addetta a tale ruolo adesso svolge altre mansioni presso l’area Affari Generali. Sfido chiunque, poi, ad individuare un portavoce, un autista, un’auto blu attualmente a libro paga.

Circa il presunto aumento dei costi per la comunicazione grafica (ad oggi 7.500 euro) è bene che i santarpinesi sappiano che al momento del nostro insediamento abbiamo trovato un progetto di convenzione presentato dalla precedente amministrazione con una società casertana di 22mila euro all’anno.

Le macchine della polizia municipale, poi, non sono mai state utilizzate da alcuno, tantomeno da assessori o consiglieri, ma in qualche caso si è dato un passaggio a bambini ed anziani che dovevano recarsi in qualche centro terapeutico.

Gli sprechi erano, invece, di quanti, la giunta Savoia, per l’arredo comunale aveva chiesto un mutuo di 180mila euro alla Cassa Depositi e Prestiti, che già aveva dato il beneplacito, mentre noi abbiamo indetto un’asta al ribasso di 80mila euro, attingendo esclusivamente a nostri fondi, eludendo, quindi anche le problematiche legate alla restituzione e agli interessi che maturano sui prestiti. E mentre Savoia e soci con 180mila euro avrebbero spostato solo parte degli uffici noi provvederemo al trasloco della totalità degli uffici.

In merito alla problematica legata ai lavori da effettuare sulla scuola media, è giusto che si sappia che si tratta di un intervento di manutenzione per un guasto segnalatoci dal direttore Dell’Amico venerdì scorso. Stiamo solo aspettando che le avverse condizioni meteo ci diano un attimo di tregua per intervenire.

Un’ultima parola sulla raccolta differenziata. Ricordo alla minoranza che stiamo seguendo e rispettando alla lettera le direttive del Consorzio di Bacino, ma che in realtà stiamo scontando la scellerata gestione della GeoEco, in cui l’ex sindaco ed i suoi soci svolgevano un ruolo non certamente secondario.

È evidente che questo nuovo volantino del Pd oltre ad essere pieno di menzogna è l’ennesimo autogol di una minoranza ormai allo sbando”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico