Matese

Ferrante (Pdl) su caso chemioterapia ospedale

FerrantePIEDIMONTE MATESE. Dopo il duro colpo inferto al sistema sanitario in Campania dal nuovo Piano di ristrutturazione della rete ospedaliera approvato dal Consiglio regionale, che prevede la riduzione di quasi 700 posti letto e …

…l’accorpamento di alcuni ospedali senza, peraltro, sortire alcuna efficacia visto che vengono tagliati servizi essenziali e ridotto il livello delle prestazioni nel misero tentativo di recuperare i disastri provocati in tanti anni di governo regionale di centrosinistra; ora è il turno dell’ospedale di Piedimonte Matese dove l’intervento dell’ASL ha imposto una riduzione delle prestazioni nel reparto di oncologia chirurgica che, essenzialmente, fornisce un day hospital per coloro che devono essere sottoposti alla chemioterapia. La conseguenza diretta di questo intervento è che ora molti pazienti saranno costretti a subire notevoli disagi nel tentativo di rivolgersi ad altre strutture per potersi assicurare la stessa assistenza. E’ trascorso poco più di un anno dalla chiusura del servizio psichiatrico di diagnosi e cura all’interno dell’Unità Operativa di Piedimonte Matese e dalla esternalizzazione del servizio di emergenza 118 ed ora un ulteriore danno a carico dei cittadini del nostro territorio. E tutto questo nonostante le tante rassicurazioni del Sindaco Cappello che, solo un anno fa, accoglieva a Piedimonte l’assessore regionale alla Sanità, Montemarano, dispensando garanzie e sicurezza sulla tutela delle strutture sanitarie e del nostro ospedale. Mentre ora, a distanza di un anno, assiste impotente alle tante conseguenze negative della gestione fallimentare dei suoi amici di partito senza avere la capacità di reagire e di difendere la nostra Città. Ancora una volta il malgoverno regionale del centrosinistra, che con i suoi errori nella gestione della sanità ha alimentato un modello sprecone e clientelare che ci ha portato ad un debito altissimo e che probabilmente porterà la nostra regione all’ennesimo commissariamento, ha prodotto una politica del territorio fallimentare e penalizzante per le nostre comunità.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico