Caserta

Bambini protagonisti di “Natale in musica” a Casertavecchia

 CASERTA. Trascorrere un Santo Stefano freddissimo a Casertavecchia eppure sentirsi sereni e protetti come attorno ad un focolare domestico, in un’atmosfera familiare e suggestiva.

È la magia che anche quest’anno la manifestazione “Tutti quanti vogliono fare Musica”, terza edizione, ha saputo ricreare tra i partecipanti intervenuti presso l’antico, fiabesco borgo medievale. Fin dal mattino la meravigliosa Cattedrale e il Palazzo dei Vescovi – solitamente chiuso al pubblico – sono stati il palcoscenico di una grande festa, dedicata ai bambini, ai giovani, ai genitori, alle famiglie.

Ingredienti principali la musica e l’arte: concerti e performances teatrali di noti artisti casertani – da Franco Basile a Corradino Campofreda, da Peppe Abbate dei Replica a Soggetto al maestro Giuseppe Comune, da Antonietta Sorrentino a Clemente Amoroso e Antonio Posillipo – si sono alternati alle esibizioni delle corali di bambini della don Milani di Caserta e della Scuola “Lorenzini” di Casola; inoltre, un’interessante mostra d’arte intitolata “Popstar” del maestro Giuseppe Vaccaro, giovane, ma già affermato pittore casertano – originalissimi i suoi omaggi a Totò – e un innovativo Laboratorio Pedagogico di Musicoterapia, tenuto dalla dottoressa Lucia Iannotta, hanno arricchito il già corposo programma della giornata. Delicata e raffinata l’interpretazione del maestro Comune, alla chitarra classica, che ha proposto un brano del ‘500, ouverture dell’evento; simpatico e “felliniano” l’accompagnamento dei bambini di Franco Basile; suggestiva la lettura di poesie proposta da Corradino Campofreda, insieme ad alcuni bimbi; poderosa ed elegante l’interpretazione vocale di Antonietta Sorrentino, che ha dedicato ai bambini We are the champions dei Queen e reso omaggio all’Halleluja di Jeff Buckley, “concatenandola” a Memory, celebre brano tratto dal musical Cats, in chiusura.

Gioiose e professionali le interpretazioni della corali scolastiche, dirette da Cosima Andriano e Maria Rosaria Perrone, che hanno saputo curare, con gusto e maestria consolidata, anche le scenografie delle esibizioni dei bambini.

E poi, dopo le 19, i concerti di alcuni gruppi locali nel Palazzo dei Vescovi: ad aprire gli storici Potlach, con Franco Basile, Marco Mattiello, Valerio Bocchiddi, Clemente Amoroso e, dopo circa trent’anni, il ritorno nel gruppo di Giovanni Vozza; a seguire la giovane, promettente band Fibre Ottiche e i già affermati Maledidei e Naivjra. “Momento di particolare intensità – scrive Sergio Angelo Rubizquello delle premiazioni: quest’anno, infatti, l’associazione Culturale Musicaperta, ideatrice e organizzatrice dell’evento, presieduta dal dottor Clemente Amoroso, ha voluto donare dei simbolici attestati al merito per la passione musicale e l’impegno artistico testimoniato; sono stati, così, premiati: la maestra di coro Cosima Andriano, che da trent’anni, spontaneamente, ‘alleva’ musicalmente i bambini dei cori che dirige, avvicinandoli al mondo musicale; al maestro Giuseppe Comune per la riscoperta e la rielaborazione interpretativa di brani del ‘500; a Franco Basile, sassofonista e flautista, per il suo originale, quarantennale percorso artistico; alle Fibre Ottiche, come band emergente; al Bimbofestival di Milano, prestigiosa manifestazione canora giunta alla 19°edizione, come migliore evento dell’anno dedicato ai bambini”.

L’intera giornata, ripresa dalle telecamere di Julie Channel, è stata presentata da Aldo Antonio Cobianchi – tra gli organizzatori della manifestazione realizzata con la collaborazione della Pro Loco Casertantica di Casertavecchia – per l’occasione abbigliato da buffo principe delle favole, con abiti settecenteschi prestati dalla Pro Loco di San Leucio: omaggio al grande Mago Zurlì/Cino Tortorella, storico protagonista della nostra infanzia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico