Casagiove - Casapulla - Curti - San Prisco

Cineclub: “L’uomo che ama” e “Come Dio comanda”

CASAGIOVE. Mercoledì17 egiovedì18 L’uomo che ama diMaria Sole Tognazzi(Orario spettacoli: 16, 18.30, 21.15. La programmazione tornerà a partire da venerdì 2 gennaiocon il film Come Dio comanda di Gabriele Salvatores.

Il Cineclub Vittoria Filmhouse augura a tutti un sereno Natale e dà appuntamentoa martedì 30 dicembre per un party di fine anno ricco di sorprese.

L’UOMO CHE AMA

Un film di Maria Sole Tognazzi. Con Pierfrancesco Favino, Ksenia Rappoport, Monica Bellucci, Piera Degli Esposti, Marisa Paredes. durata 102 min

Roberto ama Sara. La ama la notte, la ama col sole, la ama lungo il fiume, dentro una macchina, sotto e sopra le lenzuola. Dopo avere interrotto una storia d’amore e di convivenza, a un passo dal matrimonio e dalla paternità, Roberto ha voglia di ricominciare e di sgombrare il cassetto del passato. Sara invece resiste al suo amore esagerato fino a trasformare un telefono spento in un silenzio assordante. Roberto indaga e scopre il tradimento. Sara ha fatto l’amore con l’uomo sbagliato, coniugato e amato più di lui. Disperato, Roberto la respinge e la pretende, la disprezza apertamente e la ama ostinatamente. Tra notti insonni, appostamenti notturni e passeggiate appannate, l’uomo che ama esaurisce gli eccessi e impara l’amore. Di che cosa parla Maria Sole Tognazzi quando parla d’amore? Parla di uno sguardo (maschile) attraversato dalla forza desiderante dei corpi e dal potere di attrazione della carne. Parla di un cinema del separarsi e del soffrirsi addosso per un amore che non ha più tempo, un amore in scadenza. Attraversando Torino, i suoi marciapiedi e i suoi portici, L’uomo che ama racconta la fatica di una storia che finisce, la pena del distacco e l’inevitabile autocombustione di un sentimento. La regista procede nel pedinamento psicologico del suo personaggio, il Roberto ossessionato (e ossessionante) di Pierfrancesco Favino votato all’eccesso dal cromosoma melodrammatico. Resta incollata a lui, senza perderlo mai di vista, seguendolo anche negli interstizi insignificanti e vuoti della sua giornata (fare la doccia, preparare il caffé, camminare per strada, guardare attraverso una finestra), dove si manifesta l’intensità dell’amore e dove poi si manifesterà la sua fine. La messa in scena della passione tra Sara e Roberto, che ha cessato di amare un’altra donna e di svegliarsi all’ “alba” con lei, prepara la propria scomparsa e mima la propria rottura dentro un cinema di soli corpi, cuori e lacrime. Nel duetto Roberto parte svantaggiato perché, folgorato da Sara al primo incontro, sembra esserne la vittima predestinata. Ma vittima è pure l’Alba senza sorpresa della Bellucci. Perché l’uomo che ama oscilla disperato tra il rimpianto di chi ha cessato di amare e la paura di un amore appena arrivato e svanito in un fragoroso silenzio.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico