Somma Vesuviana

Somma Vesuviana, giovane operaio muore schiacciato

 SOMMA VESUVIANA. Schiacciato da un nastro trasportatore. Così è morto Francesco Nocerino, operaio di ventitre anni residente a Somma Vesuviana.

Il suo nome si aggiunge alla lunga lista delle morti bianche, mentre quelli di un 37enne e di un 70enne del luogo, titolari della ditta per cui il giovane lavorava, ritenuti responsabili dell’incidente, in quella delle persone denunciate per omicidio colposo. L’episodio è accaduto nella giornata di ieri a Somma Vesuviana, nella ditta dove lavorava il giovane, che si occupa di movimento della terra, con sede in via Marigliano. Il 23enne stava lavorando al trasporto di materiali inerti all’interno dell’azienda quando è rimasto impigliato al nastro trasportatore dal quale è stato poi schiacciato. Uno spettacolo raccapricciante quello a cui hanno assistito inermi i suoi colleghi di lavoro, che non hanno potuto far altro che chiamare i soccorsi. Nocerino era ancora vivo quando è stato estratto da sotto al nastro trasportatore ma la morte lo ha raggiunto mentre era nell’autoambulanza. La corsa dei soccorritori è stata inutile. All’arrivo all’ospedale “Cavaliere Apicella” di Pollena Trocchia era già morto. Il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima, che è stato trasportato per questo al Policlinico di Napoli. I carabinieri, coadiuvati dal personale dell’ispettorato del lavoro, hanno avviato i controlli nell’azienda. Dai primi rilievi pare sia emerso che il nastro trasportatore mancava di sistemi di protezione e sicurezza.

Intanto, stamani, presso l’ospedale di Vallo della Lucania, è stata effettuata l’autopsia sul cadavere di Domenico Montanile di Avella nel nolano, l’operaio di 43 anni deceduto domenica scorsa, dopo 22 giorni di agonia: era caduto da un’impalcatura.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico