Villa Literno

L’assessore Griffo celebra il 4 novembre

Nicola Griffo VILLA LITERNO. Il sindaco Enrico Fabozzi ha delegato l’assessore Nicola Griffo a presiede la cerimonia di commemorazione dei caduti in guerra del 4 novembre, giorno dell’Unità Nazionale e festa delle Forze Armate.

“Vorrei potervi salutare e ringraziare uno per uno” ha confessato l’assessore prima di ricordare l’elenco delle personalità presenti in piazza: c’erano rappresentanti delle forze armate operanti sul territorio ed i graduati liternesi, il Comandante della locale stazione dei Carabinieri Giovanni Russo, il Cavaliere di Vittorio Veneto Tammaro Caterino e il reduce dalla seconda guerra mondiale Francesco Ucciero, il Parroco don Giuseppe Cartesio, oltre ai rappresentanti del consiglio comunale, dei partiti e delle associazioni. “Un saluto particolare, da uomo di scuola, ai rappresentanti delle scuole Pasquale di Pasqua e Angelina Sagliocchi”, ha detto Griffo, assessore alla Pubblica Istruzione.

Sono stati ricordati i nomini incisi sulle lapidi affisse all’esterno della Casa Comunale, in memoria dei caduti delle due guerre mondiali: “Nostri concittadini, giovani, alla ricerca di libertà e democrazia, animati da valore patriottico. A loro – ha detto Griffo – voglio aggiungere idealmente i caduti di Nassirya, i morti sul lavoro, le vittime di stragi, droga, violenza, del sabato sera. Un pensiero particolare ai poliziotti morti a Villa Literno durante un inseguimento ed un monito ai nostri giovani: la vita è un attimo, non sprechiamola, non sprecatela”.

Consegnate le targhe di riconoscimento, l’assessore ha poi concluso con queste parole: “Per poter garantire pace e stabilità internazionale bisogna essere servi dei poveri (richiamo al messaggio di solidarietà di Papa Giovanni Paolo II), la pace non si conquista con le armi ma con scuole, ospedali, servizi e soprattutto lavoro che costituisce il presupposto fondamentale alla crescita civile e democratica di un popolo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico