Sant’Arpino

Sant’Arpino commemora i suoi Caduti

un momento della cerimoniaSANT’ARPINO. Si sono svolte questa mattina le celebrazioni in onore dei caduti in guerra, delle forze armate e dell’unità nazionale organizzate dall’amministrazione comunale retta dal sindaco Eugenio Di Santo insieme con l’associazione combattenti e reduci.

Il corteo è partito dalla Casa Comunale in Via Mormile e, attraverso Via De Gasperi, è giunto in Piazza Umberto I dove sono state deposte le corone di alloro davanti ai monumenti in onore dei caduti. Al corteo hanno preso parte le forze armate di Sant’Arpino, il Sindaco Eugenio Di Santo e, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, gli Assessori Giuseppe Lettera, Ernesto Capasso, Elpidio Iorio, Gianluca Fioratti, Rodolfo Spanò, Antonio Guarino, Aldo Zullo e Salvatore Lettera. I discorsi del Presidente dell’associazione combattenti e reduci Roberto Compagnone, del generale Cagnazzo, del baby sindaco Elena Orlo e di alcuni alunni della scuola elementare, hanno ricordato l’importanza della celebrazione di questa ricorrenza.

un momento della cerimonia“Il 4 novembre è festa – ha dichiarato il sindaco Di Santo – perchè è un momento di storia condivisa e oggi, a distanza di 90 anni dalla ritrovata pace dopo la grande guerra, è bene ricordare questa importante data che restituì all’Italia oltre alla serenità, una vittoria tanto sofferta. E’ giusto lodare chi nella prima guerra mondiale si immolò per la Patria, e chi oggi veglia su di noi al servizio dello Stato. Il mio pensiero va agli ottomila militari italiani impegnati in missioni di pace, in tutto il mondo, per difendere gli ideali di libertà e democrazia. Idealmente, in questo momento, dobbiamo essere a loro vicini. Oggi, infatti – ha continuato il primo cittadino – è anche la giornata di tutte le Forze Armate che, tutti i giorni, sono chiamate ad impegnarsi per difendere la sicurezza dei cittadini che ritengo debba essere una delle priorità dell’azione di tutte le Istituzioni. In questo senso colgo l’occasione per ringraziare tutte le Forze Armate, impegnate sul nostro territorio, con le quali abbiamo instaurato una fattiva collaborazione. Ritengo sia importante che, prima di ogni altro, siano i bambini, fin dalle scuole primarie, ad essere informati sulla celebrazione di questa ricorrenza, prima che altre feste pagane vadano a sostituire quelle che sono le reali commemorazioni del nostro calendario, già ricco e pieno di storia. Auguri dunque a tutti, ai nostri soldati e, soprattutto, ai nostri giovani, nella speranza che sappiano, non solo conservare l’unità e la pace, ma che sappiano alimentarle sempre di più.

Voglio ringraziare – ha poi concluso il sindaco – il Presidente dell’associazione combattenti e reduci Roberto Compagnone, il Preside Angelo Dell’Amico, il direttore didattico Vergara, tutti i docenti, il Parroco Don Umberto, il Comandante dei carabinieri Faiola e il generale Domenico Cagnazzo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico