Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Fi: “Mondragone ha bisogno di certezza politico-amministrativa”

Giovanni SchiappaMONDRAGONE. Al primo punto all’ordine del giorno della prossima seduta consiliare, convocata per venerdì 28 novembre, alle ore 20, figura una mozione consiliare inerente il piano generale di sviluppo, presentata dal capogruppo di Fi Giovanni Schiappa, unitamente ai consiglieri comunali Maria Eleonora Conte ed Antonio Pagliaro, …

… che intende far presente che all’interno dei principi contabili promossi dall’Osservatorio per la finanza e la contabilità degli Enti Locali sono previsti i documenti che costituiscono il sistema di bilancio, includendo oltre alle linee programmatiche anche il piano generale di sviluppo.

“La mozione – spiegano i consiglieri azzurri – nasce dalla premessa che, durante la penultima seduta consiliare, conseguentemente al primo adempimento relativo la programmazione spettante al sindaco Cennami, la maggioranza consiliare approvava le linee programmatiche di mandato ma, purtroppo, le stesse risultavano non definire particolarmente le reali possibilità operative che l’Ente esprime, né tantomeno indicavano dettagliatamente, per la durata del mandato in corso, le linee concrete dell’azione dell’Ente nell’organizzazione e nel funzionamento degli uffici, nei servizi da assicurare, nelle risorse finanziarie correnti acquisibili e negli investimenti e nelle opere pubbliche da realizzare. In seguito a ciò, avendo la Giunta comunale adottato gli schemi del programma triennale e dell’elenco annuale delle opere pubbliche relative al triennio 2009-2011, nonché approvato gli indirizzi e le linee guida per la stesura e l’approvazione dello schema del bilancio annuale 2009, del bilancio pluriennale 2009-2011 e la relazione previsionale e programmatica relativa al triennio 2009-2011, si ritiene importante assicurare all’Ente la corretta applicazione della funzione politico – amministrativa che, risiedendo nel rispetto di un percorso che parte dal programma amministrativo del sindaco, transita attraverso le linee programmatiche comunicate all’organo consiliare, trova poi esplicitazione nel piano generale di sviluppo dell’Ente (da considerare quale programma di mandato) che si sostanzia nella relazione previsionale e programmatica e nel bilancio pluriennale, nella previsione del bilancio annuale ed, infine, nello strumento di indirizzo gestionale, ovvero il piano esecutivo di gestione”.

Il piano generale di sviluppo dell’Ente, previsto come documento obbligatorio dal Testo Unico degli Enti Locali, comporta il confronto delle linee programmatiche e ne consegue che la sua predisposizione richiederà l’approfondimento dei seguenti temi:

le necessità finanziarie e strutturali per l’espletamento dei servizi che non abbisognano di realizzazione di investimento;

le possibilità di finanziamento con risorse correnti per l’espletamento dei servizi, oltre le risorse assegnate in precedenza, nei limiti delle possibilità di espansione;

il contenuto concreto degli investimenti e delle opere pubbliche che si pensa di realizzare, indicazioni circa il loro costo in termini di spesa di investimento ed i riflessi per quanto riguarda la spesa corrente per ciascuno degli anni del mandato;

le disponibilità di mezzi straordinari;

le disponibilità in termini di indebitamento;

il costo delle operazioni finanziarie e le possibilità di copertura; la compatibilità con le disposizioni del patto di stabilità interno.

“Tale piano generale di sviluppo dell’Ente – continuano i consiglieri del gruppo Forza Italia – deve essere deliberato dal Consiglio Comunale precedentemente al primo bilancio annuale del mandato con i relativi allegati e antecedentemente alla definizione in Giunta della programmazione triennale delle opere pubbliche e dell’elenco annuale dei lavori pubblici che, diversamente, finiscono col contenere indicazioni irrealistiche. In un’ottica in cui l’attuale Sindaco e la Giunta comunale hanno più volte dichiarato che intendono dare risposte concrete alle esigenze della Città e dell’intera Comunità, nonché intendono dettagliatamente informare l’intero Consiglio comunale circa l’azione di governo intrapresa, portando a conoscenza preventivamente una programmazione seria, concreta, efficiente ed efficace ed al contempo evitare assolutamente che le già approvate linee programmatiche abbiano soltanto annunciato di nuovo il programma elettorale dell’attuale Sindaco, senza rapportarlo a dati concreti che, dopo numerosi mesi di governo cittadino, sono sicuramente a conoscenza dell’intera Amministrazione Comunale, il gruppo consiliare ‘Forza Italia verso il Popolo della Libertà’ propone al Civico Consesso di deliberare che il Sindaco e la Giunta si impegnino a revocare gli schemi del programma triennale e dell’elenco annuale delle opere pubbliche, nonché gli indirizzi e le linee guida per la stesura e l’approvazione dello schema del bilancio annuale 2009 già approvati senza tener conto di quanto disciplinato, comunicando tale revoca al competente Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Inoltre, propone di deliberare di impegnare il Sindaco e la Giunta Comunale a presentare in Consiglio comunale – così come opportunamente sancito – il piano generale di sviluppo dell’Ente precedentemente al primo bilancio annuale del mandato con i relativi allegati e, soprattutto antecedentemente alla definizione in Giunta della programmazione triennale delle opere pubbliche e dell’elenco annuale dei lavori pubblici.

Il gruppo azzurro conclude: “Si fronte all’approssimazione ed alla superficialità del sindaco Cennami e degli attuali amministratori di maggioranza, si fa interprete – ancora una volta – dell’esigenza di certezza politico – amministrativa di cui la Città di Mondragone ha necessariamente bisogno per continuare un cammino programmatico già pianificato ed intrapreso e, purtroppo, da numerosi mesi ormai sospeso”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico