Italia

Studenti di destra contro ‘Chi l’ha visto’: irruzione alla Rai

Federica SciarelliROMA. La scorsa notte una trentina di militanti di destra del Blocco Studentesco e del movimento Casa Pound, con viso coperto da passamontagna e muniti di telecamere, ha scavalcato i cancelli della sede Rai di via Teulada, a Roma, lanciando uova marce contro l’edificio. video

Poi sono fuggiti poco prima che arrivasse la polizia, allertata da una guardia giurata.

Il “blitz” è stato rivendicato stamani da alcune telefonate, una giunta a nome di “Forza Nuova”, alla redazione di “Chi l’ha visto?”. Gli aggressori puntano il dito contro il filmato inedito, mostrato ieri sera proprio dalla trasmissione di Raitre, riguardante l’aggressione di mercoledì scorso ad un gruppo di giovani, in piazza Navona, durante la protesta contro il decreto Gelmini. Le immagini mostrano i volti di quegli aggressori.

In una delle telefonate, una voce maschile, adulta, che ha chiamato da un’utenza fissa, ha lanciato un “messaggio” allo staff del programma condotto da Federica Sciarelli: “Abbiamo visto la vostra trasmissione dove chiedete nome, cognome e indirizzi di chi è stato fotografato. Noi faremo lo stesso con tutti voi: chi ha visto voi; chi lavora con voi; dove abitate, e poi verremo sotto le vostre case”. Ora le registrazioni delle telefonate sono in mano alla Digos di Roma. Gli inquirenti hanno anche acquisito le immagini riprese nella notte dalle telecamere fisse della sede Rai di via Teulada che mostrano l’irruzione del gruppo.

Sull’episodio interviene lo stesso responsabile di nazionale di Casa Pound Italia, Gianluca Iannone, uno dei partecipanti al “blitz”, che definisce quanto accaduto “un atto dimostrativo”, “di protesta”. “Dopo quella trasmissione – dice Iannone – è stato per noi naturale incontrarsi ed andare in via Teulada. Non eravamo armati in alcun modo ne’ avevamo i volti coperti anche perché le facce di Blocco Studentesco sono note alle forze dell’ordine”. “I servizi della trasmissione di Federica Sciarelli sembravano i dossier di Lotta Continua! – aggiunge Iannone, candidato alle ultime politiche per la Destra Fiamma Tricolore – Sono preoccupato: si sta cercando il morto sulla piazza e, se si continua così, arriva”. “La nostra – conclude – è stata un’azione di risposta. Qual e’ il motivo per cui durante la trasmissione si fanno vedere i primi piani di queste persone? Come mai si chiedono maggiori informazioni? Informazioni inutili se si pensa che, il giorno degli scontri, sono state fatte le foto segnaletiche e prese le impronte digitali ai 22 identificati e denunciati. Perché Federica Sciarelli, invece di occuparsi di scomparsi, sollecita maggiori informazioni su persone reperibili dalla polizia in qualsiasi momento? Nel momento in cui si fanno vedere i volti in tv qualcuno può decidere di vendicarsi. Sono segnali che si cerca il morto”.

La conduttrice della trasmissione si difende: “Non c’è stato alcun invito alla delazione in trasmissione. Sono solo stati documentati con alcune immagini gli scontri di Piazza Navona. Abbiamo detto solo che erano brutte immagini. Non ho in alcun modo invitato il pubblico a fornire indicazioni sugli scontri e tantomeno sui ragazzi presenti”.

Il segretario di Forza Nuova, Roberto Fiore, chiede l’intervento del ministro dell’Interno Maroni e del Garante delle comunicazioni per frenare una “pericolosa spirale” e sanzionare “Chi l’ha visto”. Fiore denuncia “una vera e propria lista di proscrizione per invitare alla violenza nei confronti dei giovani”. E riferisce che “a Cremona sono comparse sotto casa dei responsabili locali di Forza Nuova scritte contenenti minacce di morte. Non dobbiamo sottovalutare quanto accaduto: esiste una volontà di certa sinistra di scaldare gli animi per riaprire una spirale di violenza contro i ragazzi di destra”.

Guarda il video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico