Italia

Roma, sequestrato inceneritore dei rifiuti

InceneritoreROMA. I carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico) hanno sequestrato il nuovo inceneritore della discarica di Malagrotta, a Roma.

L’impianto, che doveva essere inaugurato dopodomani ma che era già attivo, era privo della certificazione di prevenzione incendi e non rispondeva ad altri requisiti di legge. Il gip di Roma nel provvedimento di sequestro del gassificatore di Malagrotta scrive: “Sussiste un fondato pericolo che la prosecuzione dell’attuale esercizio dell’impianto e la libera disponibilità di cose pertinenti al reato possa agevolare o protrarre le conseguenze del reato, ovvero agevolare la commissione di altri reati, trattandosi di esercizio di impianto in totale carenza dei requisiti di legge”. Due le persone indagate: il presidente del Co.la.ri (Consorzio laziale rifiuti) che gestisce Malagrotta, Manlio Cerroni, e il vice del consorzio. L’inceneritore brucia i rifiuti sotto forma di cdr (combustibile da rifiuti), sistema di smaltimento che permette il contenimento dei volumi e la produzione di energia elettrica; doveva essere inaugurato il 13 novembre, ma era di fatto già attivo. Molteplici erano state nei giorni scorsi le proteste degli ambientalisti del Wwf.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico