Caserta

Truffe assicurative, il gip dispone sette scarcerazioni

Tribunale di Santa Maria Capua VetereCASERTA. Truffa alle assicurazioni, il gip emette il
provvedimento di scarcerazione per undici indagati, perchè disponibili a rispondere alle accuse contestate, nell’ambito dell’inchiesta che lo scorso 30 ottobre portò all’arresto di 27 persone.
Rimangono in
stato di detenzione il dottor Giuseppe Tartaglione e
l’avvocato Stefano Chillemi che sono ritenuti da parte del gip
i veri legami con l’avvocato Antonio Casella e Nicola
Iodice
. La decisione è giunta in tarda sera dopo che
il giudice di Santa Maria Capua Vetere ha atteso il parere del magistrato titolare delle indagini,
Maurizio Giordano, che in realà ha concesso misure alternative, anche se il
quadro accusatorio della procura rimane per alcuni invariato.
Sono stati scarcerati, e quindi completamente liberi, l’avvocato
Michele Pugliese, difeso dall’avvocato Enrico Monaco e Gianluca Giordano, per
mancanza di gravi indizi ed anche perché, come si legge nella motivazione, gli
indagati sono stati ingannati fornendo comunque un contributo necessario
alla realizzazione di singole truffe. Anche Luigi Ventre ha avuto analogo trattamento per la stessa motivazine di Michele Pugliese, quest’ultimo che
addirittura giorno figurava in udienza ma invece era a scuola perché
insegnava. Stessa sorte a Giuseppe Barbato e Orazio
Galasso
, completamente liberi. Revocati gli arresti domiciliari ad Assunta Mele,
difesa dall’avvocato Michele Spina, con la misura dell’obbligo di
dimora nel comune di Santa Maria Capua Vetere. Sostituita, invece, la misura degli
arresti domiciliari con la misura dell’obbligo di dimora a Danilo Coppola in
Santa Maria Capau Vetere. Anche lui ha fornito una sua versione
dei fatti abbastanza credibile. Revoca della misura dell’obbligo di dimora
applicata all’infermiera Angelina Ferraro. Rigettate le tesi
difensive di Mario Ioime che rimane in stato di
detenzione domiciliare, e Pasquale Marino, a cui vengono confermati gli obblighi
di dimora. Per il Gip solo i suiciati undici indagati, oltre ad Antonio Casella ed Alfonso Alberico, sui
quali già si è provveduto, hanno presentato istanze liberatorie e pertanto non si prenderà in considerazione la posizione degli
altri soggetti a misura coercitiva, ossia Nicola Iodice, Carmine Lisi (che resta ai domiciliari), Tommaso
Grandinetti
, Domenico Rienzo, Mario Tiglio, Giuseppe Gambardella, Vittorio
Melillo
, Giovanni Iossa e Prisco Di Caprio, che non hanno chiesto la revoca o la
sostituzione della misura loro applicata.
Leggi anche:
Caserta,
truffe alle assicurazioni: 27 indagati
di Leonardo Tessitore del
31/10/2008

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teverola, Pasquale Menale ucciso a 17 anni: il padre chiede riapertura indagini - https://t.co/SOFSjvWIhy

Aquarius, crisi diplomatica: l'Italia chiede le scuse della Francia - https://t.co/0Qikukigew

Casal di Principe, guida vettura sequestrata e senza patente: denunciato nigeriano - https://t.co/71jp6GXLQ9

Pizzo Calabro, sequestrata vasta coltivazione di marijuana - https://t.co/5ppw01Iq7Q

Condividi con un amico