Caserta

Assemblea del Meic a Caserta

Meic CASERTA. Prosegue il cammino intrapreso dal Meic (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) in sintonia con le altre associazioni cattoliche al fine di non disperdere il comune patrimonio di principi ed ideali.

“Ci anima – scrive il presidente Oscar Bobbio nella lettera invito alle associazioni – la comune tensione volta a discernere ed orientare verso percorsi praticabili e condivisi, con tutti gli uomini di buona volontà, per il miglioramento delle condizioni di vita in un rinnovato umanesimo, che sappia guardare alla dinamica complessiva della persona e della realtà”. Molte le associazioni presenti all’incontro, che si è tenuto nell’Episcopio di Caserta, tra le quali A.I.F.O., Medici Cattolici, Movimento dei Focolari, Pax Christi. L’incontro si è aperto con la relazione del presidente Bobbio sulla X Assemblea Nazionale svoltasi a Roma dal 24 al 26 ottobre 2008, cui hanno partecipato anche i consiglieri Corrado Caiola e Antonio Di Bona, sul tema: “Verso la città futura. Gli intellettuali cattolici del Meic tra testimonianza e dialogo”. Testimonianza nell’esercizio della propria professione, dialogo con credenti e non credenti nel nome di valori e piani adatti allo sviluppo della città. Di qui l’importanza del senso civico dei cristiani, “perché la democrazia aumenta i diritti, ma non prepara gli uomini a usarli”. Questo il fulcro dei quattro temi discussi nelle relative Commissioni: “Sfide della bioetica e nuova antropologia”, “Vale più il lavoro o l’economia?”, “Salvaguardia del creato tra apocalittici e distratti”, “Nuovi cittadini, nuova cittadinanza”. Definito, quindi, il programma del nuovo anno sociale, sempre all’insegna della cooperazione con gli altri gruppi, a partire dalla Fuci, per rinsaldare l’antico patto della continuità Fuci-Meic, ma anche con i non credenti, peraltro come è stato auspicato anche nel Convegno nazionale. Il Meic, è stato affermato, potrebbe sollecitare questa unione e lo farà. Al centro del programma la tradizionale Lectio Divina, fonte della spiritualità del Meic, i cui soci sistematicamente si raccolgono da anni intorno al loro assistente ecclesiastico don Elio Catarcio per approfondire la Parola di Dio. “Siamo nell’anno Paolino”, ha ricordato don Elio proponendo il tema annuale da tutti accolto con grande interesse, “Paolo da Tarso a Roma”, un itinerario dagli Atti degli Apostoli, che il Meic percorrerà con insieme ai gruppi cattolici della Diocesi nel solco della speranza. Altri punti programmatici sono stati fissati secondo le proposte avanzate, con incontri pubblici su temi di attualità, quale la funzione dell’Università di Caserta come volano per lo sviluppo del territorio. Temi che sicuramente saranno trattati in rete, insieme alle istituzioni di competenza. Nel nome della cooperazione solidale perseguita dal Meic.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico