Casaluce

Pd: “Le scuole casalucesi da terzo mondo”

 CASALUCE. “Scuola: Casaluce o Terzo Mondo?”. Così è intitolato il manifesto del Pd casalucese che denuncia la situazione precaria delle scuole cittadine, invocando l’intervento del Comune e della Direzione Didattica.

“Nel settembre del 2006 abbiamo denunciato lo stato di inadeguatezza delle strutture scolastiche casalucesi. I Commissari ascoltarono pieni di buone intenzioni. Due anni dopo i bambini di Casaluce vanno a scuola nelle stesse strutture con gli stessi problemi, forse aggravati. Il plesso della Scuola Materna, adiacente alla Casa Comunale, ha vie di accesso inadeguate, circondate da sporcizia e immondizia. Dove doveva essere il giardino ci sono ancora strutture ‘da cantiere’, pieno di erbacce, insetti e polvere o fango a seconda delle condizioni atmosferiche. Roba da terzo mondo. Il plesso ‘Marconi’ è ancora e perennemente in ristrutturazione, e non è dato sapere quando sarà disponibile e che tipo di struttura ci restituirà l’intervento. Il plesso di via Longo è alloggiato in una struttura privata per la quale viene pagato un affitto da anni, con una convenzione in scadenza e in locali che originariamente non erano progettati per essere una scuola. La situazione attuale è figlia di provvedimenti miopi e di corto respiro. Gli anni di gestione commissariale non hanno minimamente migliorato la situazione. Anzi… E’ questo il destino degli oltre 500 bambini iscritti alle elementari e materne di Casaluce? Non avere mai una scuola vera, con aule costruite per essere tali, un giardino, una palestra, dei laboratori e strutture degne di un paese civile? Chiediamo ancora una volta che i responsabili delle strutture scolastiche, in primis il Comune (la Commissione Straordinaria) e la Direzione Didattica, diano un segnale forte della loro attenzione o, per meglio dire, della loro esistenza che non sia sempre la solita espressione di buone intenzioni. I nostri bambini hanno il diritto di avere delle risposte concrete. Chiediamo rispetto per quei bambini che, nonostante tutto, credono ancora nel mondo degli adulti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico