Aversa

Rifiuti, Cosadirci: “Basta chiacchiere, è tempo di fatti”

CosadirciAVERSA. Il comitato civico Co.sa.dir.ci. per Aversa è stato invitato giovedì 13 novembre dall’assessore all’Ambiente Luciano Luciano per discutere gli aspetti più annosi e dolorosi dello stato dell’ambiente in città.

A tal proposito, il presidente Gennaro Mariniello vuole chiarire posizione del comitato e le proposte sulle problematiche ambientali.

“L’ambiente cittadino è un diritto-dovere per tutti. Trattiamo la città come la nostra casa comune. Il perdurante problema della combustione dei pellami o di altri rifiuti tossici e cancerogeni è frutto del menefreghismo degli amministratori di più città confinanti e del comportamento bestiale dei soliti noti che non vengono catturati perché manca l’impegno fondamentale. Da noi si tollera di tutto. E coloro che dovrebbero controllare e porre fine ad una serie di illeciti e di illegalità – leggi forze di polizia locale e statale – fanno poco o nulla. Se non ci scappano i morti tutto il resto viene tollerato. Mentalità e cultura deviate stanno alla base di tutti i problemi.

L’aria come la terra – nel bene e nel male – è di tutti. E questo impone il confronto e la collaborazione con i Sindaci della Conurbazione Aversana. Ma nei fatti non nelle dichiarazioni ai giornali. La monnezza è ricchezza: questo nostro slogan risale ad oltre 16 anni fa. Solo che fino ad oggi abbiamo trovato politici sordi, ciechi e dediti ad altri affari.

Oltre 10 anni fa abbiamo proposto i Composter in città. Un metodo semplice e facile da realizzare nei condomini, nelle aree verdi, nel Parco Pubblico, nel Cimitero, negli Ospedali cittadini etc. per riutilizzare i rifiuti umidi. Silenzio ed indifferenza assordanti. Nel 2006 abbiamo chiesto alla Amministrazione ed alla GeoEco di sostenere la Raccolta Differenziata Premiale. Iniziativa a costo zero per le casse comunali e che avrebbe coinvolto, per primi, Scuole ed Uffici. Nessuna risposta. Nel 2006 e 2007 abbiamo parlato di cos’è l’ambiente: una copia di nostre riflessioni sarà donata giovedì all’Assessore Luciano.

Ma a prescindere dagli studi e dalle idee, cosa manca in Aversa? La mentalità del bene comune, la voglia di tornare tra le città civili, l’impegno a dare, la politica come servizio, come attività tese alla crescita educativa, sociale ed economica di tutti; il rispetto per chi – ed il Co.sa.dir.ci. lo dimostra da 18 anni – si impegna esclusivamente per il bene comune; l’ascolto delle necessità e delle aspettative della gente, vivendo tra la gente e non chiudendosi nel palazzo; la conoscenza di persona ed in tempo reale delle condizioni della città; la pulizia radicale della Casa Comunale dai tanti furbacchioni, fannulloni e spicciafacènne. Lo facciamo perché tanto è dovuto ai Cittadini che ancora ci credono e si ribellano a questo degrado: grazie al loro sostegno abbiamo proposto un Consiglio Comunale Aperto per discutere le piaghe più dolenti della città. Ed altrettanto lo dobbiamo ai ‘nuovi’ Amministratori per ricordare loro che la stagione delle chiacchiere vuote e futili è finita.

La crisi economica, sociale e finanziaria impone scelte semplici e votate unicamente al bene comune. Con il consenso crescente dei Cittadini Aversani il nostro Comitato Civico non permetterà alla politica politicante di continuare nelle truffe e sceneggiate di questi decenni. Faremo tutto il possibile per mandarli a casa se si continuerà a perdere altro tempo. E’ tempo di fatti non di papocchie”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Di Maio e la "manina" sul decreto fiscale. Conte: "Lo controllo io e lo mando al Quirinale" - https://t.co/jaCbIjsUO0

Terrorismo, Italia prima in Ue per espulsioni jihadisti: rischio proselitismo a scuola - https://t.co/gEn5IAZ575

Camorra, arrestato in Molise il latitante Vincenzo Della Volpe: uomo di fiducia di Iovine - https://t.co/R2GIIwlFhr

Roma, violenta rapina in minimarket a Primavalle: 2 arresti - https://t.co/ZawuwIrsdq

Condividi con un amico