Aversa

Nuova giunta, i partiti: “Lamentele? No, solo pettegolezzi”

AVERSA. C’è chi non sarebbe contento della delega a vicesindaco all’esponente del Gruppo delle Libertà, Nicola De Chiara, chi chiede visibilità per l’apporto dato anche se non presente in consiglio come il Nuovo Psi, …

… chi parla di una nuova campagna acquisti di consiglieri comunali da parte di maggiorenti azzurri in vista delle regionali del prossimo anno. Insomma, il nuovo esecutivo, il “Ciaramella ter”, nato, dopo un lungo travaglio, rischierebbe di avere vita breve.

Ma a gettare acqua sul fuoco delle polemiche e dei risentimenti degli scontenti è il segretario cittadino di Forza Italia, Nicola Golia, che ha affermato: “Siamo nel campo dei pettegolezzi. Ufficialmente non c’è nulla. Potrebbe anche essere vero che i socialisti si lamentano, ma non hanno rappresentanti in consiglio. Le liste ‘Città delle Libertà’ e ‘Popolari Normanni’ si sono viste riconoscere deleghe per i propri consiglieri, per cui credo che all’orizzonte non ci siano nubi”.

Sulla stessa scia anche il portavoce del Gruppo della Libertà, Plinio Frunzio, che ha sottolineato come non ci sia “alcun risentimento tra gli alleati che in diversi casi si sono visti riconoscere deleghe ai consiglieri comunali”. Smorza la polemica anche il segretario cittadino del Nuovo Psi che parla di “scelte condivise da tutti nelle riunioni di maggioranza, anche se da parte nostra rivendichiamo visibilità politica. Abbiamo partecipato alla coalizione portando 800 voti. Ovviamente visibilità non significa solo assessorato”.

Più problematico il capogruppo consiliare di Alleanza Nazionale, Michele Galluccio, che non nasconde (o almeno non esclude) possibili malumori anche al proprio interno, tenuto conto che il partito del presidente Gianfranco Fini aspirava ad ottenere la poltrona di vicesindaco con Gianpaolo Dello Vicario, il candidato eletto con il maggior numero di suffragi. “E’ logico – afferma l’esponente alleanzino – che non si è mai tutti d’accordo. Ora, comunque, bisogna passare a parlare dei problemi, dare gli indirizzi a breve, medio e lungo termine. Cosa che abbiamo iniziato a fare già nell’interpartitico di ieri sera quando sul tavolo sono stati messi i problemi reali della città: i rifiuti con le scelte da operare nel settore dopo l’arrivo del recente decreto; i por 2007/2013; le opere pubbliche bloccate”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico