Sant’Arpino

D’Antonio, una promessa del calcio a Sant’Arpino

Eugenio Di Santo SANT’ARPINO. Il sindaco Eugenio Di Santo fa i suoi complimenti e il suo in bocca al lupo ad un giovane di Sant’Arpino, nuova promessa del mondo del calcio.

Sandro D’Antonio, classe 1994, ha 14 anni e ha da sempre la passione per questo sport. Da un mese è stato acquistato dal Parma calcio e milita nei giovanissimi nazionali. “Voglio fare i miei complimenti a Sandro – ha dichiarato il sindaco Di Santo – per lo straordinario risultato raggiunto. Conosco bene, ormai da tre anni, le grandi qualità di questo giovane che, fin dagli esordi, ha dimostrato di avere grande talento e forte determinazione. Oggi la sua caparbietà e la sua passione sono state premiate con questo importante ingaggio. A lui va il mio personale in bocca al lupo perché questo possa essere solo l’inizio di una straordinaria e brillante carriera sportiva. Da appassionato dello sport, e del calcio in particolare, non posso che dichiararmi orgoglioso del fatto che un mio concittadino, tra l’altro così giovane, abbia già raggiunto un risultato tanto importante. Ai suoi genitori, Felice e Lidia, – ha continuato Di Santo – voglio fare le mie congratulazioni ma, soprattutto, sollecitarli a sostenere Sandro in questo che sarà sicuramente un periodo molto felice ma anche estremamente duro, vista la lontananza da casa. Il loro sostegno sarà determinante e sono certo che, anche grazie a questo, il nostro giovane concittadino otterrà grandi risultati. Lo sport è agonismo, forza, determinazione ma anche sacrificio e chi, come Sandro, è disposto a sacrificarsi per portare avanti la propria passione va supportato e incoraggiato. Vedere giovani che credono in quello che fanno e che non si fanno scoraggiare dalle difficoltà è la cosa più bella ed è a loro che, noi adulti, dobbiamo indirizzare le nostre energie e il nostro supporto. Il mondo del calcio – ha concluso Di Santo – soprattutto negli ultimi tempi, è stato scenario di eventi negativi che hanno infangato uno sport nobile e dalle antiche tradizioni. E’ per questo che bisogna incoraggiare i giovani a fare agonismo ma a farlo in modo sano e costruttivo e sono certo che Sandro sarà esempio e testimonianza concreta di tutto questo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico