Santa Maria C. V. - San Tammaro

Arrestato giovane rapinatore di tabaccherie

Francesco VillanoSANTA MARIA CAPUA VETERE. Hanno tentato di rapinare una rivendita di tabacchi in via Ricciardi, poi sono riusciti a mettere a segno un colpo ad un’altra tabaccheria di via Galatina, nei pressi dello svincolo della Variante Anas, per un bottino di circa 1300 euro.

Il tutto nel giro di un quarto d’ora, durante la serata di martedì 7 ottobre, dalle ore 20 alle ore 20.15. Ad agire una banda composta da quattro persone, di cui due armate di pistola e con il volto coperto da caschi e altre due alla guida di altrettanti motocicli. Sulle loro tracce si sono messi i carabinieri della compagnia di Santa Maria Capua Vetere, guidati dal capitano Carmine Rosciano, in collaborazione con il personale del Nucleo operativo radiomobile della stazione di San Prisco, i quali, nella mattinata del giorno dopo, grazie alle testimonianze delle vittime e alle immagini estrapolate dalle telecamere a circuito chiuso dei due esercizi commerciali, hanno individuato e fermato uno dei componenti della banda. Si tratta del 19enne Francesco Villano, di Caserta, già noto alle forze dell’ordine. Nel corso della perquisizione presso la sua abitazione di via Cappuccini, i militari hanno rinvenuto e sequestrato il casco semi-integrale utilizzato dal giovane durante le rapine.

Dai successivi accertamenti è emerso che Villano aveva commesso un’altra rapina a mano armata lo scorso 24 settembre, assieme ad altre persone, presso una rivendita di tabacchi a Santa Maria, situata in via Fardella, portando via un bottino di circa 2300 euro. Il giovane è stato condotto in carcere a disposizione della autorità giudiziaria.

Nel gennaio 2007, quando era ancora minorenne, Villano era stato arrestato dagli stessi carabinieri di Santa Maria poiché responsabile di scippi compiuti, assieme ad un complice, nel periodo tra novembre e dicembre 2006, tra Santa Maria, Curti e San Prisco, ai danni di diverse donne alla guida di autoveicoli. Lui e il complice, approfittando della sosta o del rallentamento delle auto, sottraevano alle signore le borse poggiate sul sedile passeggero e fuggivano a bordo di uno scooter.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico