Italia

Uccise l’amante incinta, condannato anche per aborto

 MILANO. La sentenza emanata quest’oggi dai giudici di Milano per un delitto avvenuto nel 2006 è destinata a creare un precedente molto importante.

Il fatto riguarda l’omicidio di una donna incinta da parte del suo amante. Secondo il giudice, l’imputato ha commesso, oltre l’omicidio, ”un ulteriore reato che conserva una spiccata e autonoma valenza offensiva. In più l’interruzione di gravidanza è stata il movente dell’imputato, determinatosi a terminare due vite (l’una in atto e l’altra in potenza)”. Per questi motivi l’assassino è stato condannato a 27 anni di carcere, di cui 24 per aver ucciso la giovane e tre per averle procurato un aborto. Dopo la sentenza, la procura generale di Venezia, per un caso simile, ha presentato appello per l’assoluzione dall’accusa di procurato aborto nei confronti diun uomo,reo confesso di un omicidiodi una20enne incinta.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico