Caserta

Macrico, Cerreto: “Inquietante scivolone della maggioranza”

Marco CerretoCASERTA. Il vicecapogruppo di An, Marco Cerreto, esprime “profonda inquietudine” sullo svolgimento della seduta straordinaria del consiglio comunale, richiesta dal centrodestra, relativa alla questione Macrico.

In particolare, Cerreto si riferisce al voto contrario espresso dalla maggioranza sull’ordine del giorno del Pdl riguardante il coinvolgimento dell’assise comunale nei procedimenti inerenti la pianificazione, l’urbanistica, i lavori pubblici, nonché sulla partecipazione del Consiglio Comunale stesso e degli enti e delle associazioni all’iter che porterà alla realizzazione di un parco urbano dell’Unità d’Italia nell’area ex Macrico. Principio sancito dal protocollo d’Intesa del “Più Europa”, che consentirà a Caserta di ricevere 40 milioni di euro per concorrere al finanziamento dell’opera. “Quello che è accaduto durante l’Assise ha dell’incredibile, – afferma Cerreto – abbiamo assistito al voto contrario dei consiglieri, compreso il sindaco, su un ordine del giorno che richiamava semplicemente delle norme che consentono la sovranità di tutto il consiglio comunale. E’ chiaro che la maggioranza e lo stesso Petteruti tendono ad annullare le funzioni del consiglio comunale e la partecipazione della associazioni e degli enti. Infatti, mentre i consiglieri del centrodestra, le associazioni tutte ed il partenariato sociale e privato chiedono da mesi di partecipare ai processi decisionali di pianificazione del Macrico, la maggioranza di centrosinistra nega, come il voto di stasera, questo diritto. E fa di più: vota contro un deliberato che è lo stesso contenuto nella delibera di Giunta Regionale che istituisce il ‘Più Europa’, che consente alla città di ricevere 40 milioni di euro al nostro capoluogo, dove appunto si prevede tra gli obblighi dell’amministrazione quello di coinvolgere in una catena logica gli enti e il partenariato. Una sconcertante prova di immaturità politica che ci inquieta. Ci appelliamo, dunque, alla terzietà del Presidente del consiglio affinché voglia comunque garantire la trasparenza e la partecipazione della città e di chi è stato democraticamente eletto di poter esercitare il ruolo che la legge ci attribuisce”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico