Caserta

“Dr. Jekyll & Mr. Hyde” alla Sun

Dr. Jekyll & Mr. HydeCASERTA. Venerdì 10 ottobre, alle ore 15, presso l’aula magna “Mario Carfagna” del Polo Scientifico della Seconda Università degli studi di Napoli, andrà in scena “Dr. Jekyll & Mr. Hyde”per il ciclo “Leggere…(zze) di Ottobre – brevi ascolti di letteratura moderna”.

L’iniziativa, fortemente voluta dal senatore accademico Adamo Riccio e dal consigliere di amministrazione Paolo Busico, componenti del “Comitato per le attività culturali autogestite dagli studenti della S.U.N.”, e promossa dal gruppo universitario “Teatro&Musica”, nasce con l’intendo di promuovere e divulgare la lettura dei testi di letteratura contemporanea, permettendo il leggere ed l’ascoltare dell’uomo e del mondo reale, di paure e speranze, senza farsi mancare un accenno di cronaca vera, seppur romanzata, del drammatico quotidiano che il nostro territorio ci offre.

In particolare dice il direttore artistico ed interprete Andrea Manferlotti “Il romanzo di Stevenson sebbene manchi di poco il novecento (1886) resta comunque un classico che in quanto tale, e in virtù degli argomenti trattati, è assolutamente un racconto dai significati molto più che attuali ed è perciò facile portare la storia tanto ai nostri giorni, quanto darle una connotazione a-temporale”.

Il reading sarà accompagnato da una cornice musicale inedita con musiche composte per l’occasione dal direttore e Maestro Ferdinando de Martino; ed eseguite da un ensemble cameristico realizzato da quattro strumenti a fiato (Flauto: Domenico Di Gioia, Oboe: Mattia Grande, Clarinetto basso: Giuseppe Scotto Galletta, Corno: Gerardo Papa) e tre a corda (Violino primo: Sergio Carnevale, Violino secondo: Vincenzo Bianco, Violoncello: Vincenzo Caterino).

“Contribuire musicalmente ad un reading è quanto mai difficile, – dice il Maestro Ferdinando de Martino – il rischio di creare uno spettacolo scontato se non banale è evidente, specie per la rilettura di un classico. La presente versione de “Lo strano caso del dottor Jekyll e Mr. Hyde” ha il vantaggio e l’originalità di focalizzarsi su alcuni temi evidentemente presenti nel testo ma non giustamente valorizzati. Il male nella sua magmatica e caotica essenza ne è il protagonista assoluto. L’apporto musicale alla recitazione si allinea a tale scelta interpretativa, creando un tessuto in parte improvvisato in parte scritto. Il lavoro pertanto si delinea sia come una “colonna sonora” del celebre testo di Stevenson sia come un contrappunto al dire recitato, creando un unico ed indissolubile evento sonoro”. I promotori dell’iniziativa si sono avvalgono della collaborazione e delle competenze delle associazioni culturali: Unart Group, Terra, Mos’s “marcianiseopensources” e del centro studi Vox.

L’ingresso è gratuito e libero, per maggiori informazioni è possibile contattare la segreteria organizzativa attraverso il blog informativo: www.unartgroup.it .

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico