Caserta

Ammortizzatori sociali, Caserta al tavolo regionale

Enrico Milani CASERTA. Sospendere le valutazioni relative alle richieste di ammortizzatori sociali in deroga dei lavoratori non compresi nell’accordo del 4 aprile 2008 e sollecitare un tavolo di confronto con il ministero del Lavoro per reperire ulteriori risorse economiche.

Sono le richieste degli assessori provinciali al Lavoro emerse al termine della riunione del tavolo interistituzionale, tenutasi nella sede dell’assessorato al Lavoro della Regione Campania, alla presenza del Dirigente del Settore Ormel, Antonio Poziello. All’incontro hanno partecipato anche le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, Federindustria regionale, Confcommercio, Lega Cooperative e l’agenzia Italia Lavoro.

“Al sottosegretario Viespoli – spiega l’assessore al Lavoro della Provincia di Caserta, Enrico Milani – chiediamo, congiuntamente ai colleghi delle altre Province, la convocazione urgente di un tavolo di confronto con il ministero del Lavoro, per il reperimento delle risorse necessarie a una gestione non traumatica delle gravi problematiche occupazionali che stanno investendo in maniera sempre più grave Terra di Lavoro”. “In base alle stime fatte – fa sapere Milani – per coprire tutte le mobilità in deroga previste nell’accordo di aprile, e per gli ulteriori casi di richiesta di ammortizzatori in deroga che in questi mesi sono stati prospettati, occorre uno stanziamento, su base regionale, che si aggira intorno ai 13 milioni di euro, cifra assolutamente irrisoria considerata la drammaticità della condizione socio-economica in cui versa il nostro territorio, sotto l’inarrestabile fallimento di molteplici esperienze industriali”.

La legge Finanziaria 2008 prevedeva la possibilità di concessione – fino al 31 dicembre prossimo – di trattamenti di Cigs, di mobilità e di disoccupazione speciale, nel caso di programmi finalizzati alla gestione di crisi occupazionali e, successivamente, a tal fine, per la Regione Campania venivano stanziati 44,5 milioni di euro. Pertanto il 4 aprile scorso in Regione fu sottoscritto l’accordo-quadro relativo alla gestione degli ammortizzatori sociali in deroga, che già prevedeva, tra l’altro, la valutazione di eventuali situazioni relative ad aziende o lavoratori non compresi in quello stesso accordo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico