Trentola Ducenta

Trasporti carenti, Eureka al fianco dei cittadini

Michele ApicellaTRENTOLA DUCENTA. Dopo la pausa estiva, riprende a pieno ritmo l’attività del movimento socio-culturale Eureka.

Nei primi giorni di settembre alcuni esponenti del movimento si sono recati presso la locale azienda dei trasporti per portare alla loro attenzione, nonostante l’indifferenza delle istituzioni locali, il problema dei trasporti in città. Eureka da diversi mesi si è attivata affinché venga ripristinata una linea di autobus che consenta ai cittadini di raggiungere agevolmente i comuni limitrofi. La preoccupazione più imminente è quella di garantire ai numerosi studenti,che hanno più volte sollevato il problema tramite Eureka, un rientro scolastico meno disagevole sia per loro che per i loro genitori; genitori che sono costretti a rivolgersi a mezzi di trasporto privati, con un notevole aggravio di spese sul bilancio familiare, oppure ad accompagnarli con propri mezzi, incrementando in tal modo il traffico e l’inquinamento ambientale. L’azienda è stata messa al corrente di tale malcontento e ha assicurato un suo interessamento al riguardo.

Il presidente Michele Apicella ha così commentato: “A breve constaterò personalmente che qualche miglioramento in tal senso venga concretizzato. Saremo costretti,qualora le nostre richieste dovessero essere disattese, a sottoscrivere e far sottoscrivere una petizione popolare da sottoporre sia all’amministrazione comunale che all’azienda dei trasporti”. Il presidente ha così continuato: “E’ inaudito che i cittadini per veder riconosciuti i loro fondamentali diritti debbano per forza ricorrere a simili mezzi di protesta. Speriamo che il nostro piccolo e modesto contributo possa servire ad alleviare ed affrontare determinati problemi e disagi,che attanagliano i cittadini. Voglio inoltre puntualizzare che questo movimento è nato solo ed esclusivamente per essere un punto di riferimento e di sostegno per tutti coloro che ritengano opportuno chiedere il nostro aiuto per far sentire la loro voce”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico