San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Il Comune taglia tre alberi nel campo sportivo

OlmiSAN NICOLA LA STRADA. Grande è stata la sorpresa per le centinaia di residenti della zona di Via Leonardo Da Vinci e zone limitrofe, quando si sono accorti che tre bellissimi “Olmi”, messi a dimora circa un ventennio orsono dall’allora sindaco di centrosinistra, professor Nicola Tescione, all’interno del campo sportivo comunale, dove attualmente c’è una stazione ecologica non c’erano più.

Erano stati “abbattuti”, “recisi”, “decapitati”, ed al loro posto una colata di cemento. La grande volontà ambientalista dei sannicolesi, che si sobbarcano a grandi sacrifici per far sì che la raccolta differenziata decolli e diventi una bella abitudine ed un atto di grande civismo, si è infranta con l’insensibilità raccapricciante (così l’ha definita Lucia Esposito, consigliere comunale del PD ed in procinto di rientrare nel posto di assessore provinciale che già era suo) dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Angelo Antonio Pascariello. L’olmo è un albero che può raggiungere i 20-30 metri di altezza, con chioma densa e irregolare, tronco diritto molto ramificato, soprattutto in alto. È un albero molto longevo, infatti può superare i 600 anni di vita, peccato che a San Nicola non superi i venti anni di vita. “Siamo davvero di fronte ad una insensibilità raccapricciante – ha affermato Lucia Esposito – Questi alberi, unitamente ad altre decine, furono messi a dimora dal sindaco Tescione che voleva fare dello stadio ‘Clemente’ lo stadio di tutti i cittadini sannicolesi. Sono stati abbattuti senza colpo ferire per far posto ai cassoni che contengono rifiuti. Ma davvero si pensa di trasformare il nostro principale campo di calcio in una discarica? – si domanda l’esponente politica – E’ questa la differenziata di cui parlava Pascariello ? Siamo praticamente al suo terzo fallimento. Fermiamoci a riflettere – ha concluso – sul futuro dei nostri figli in questa città dalla vivibilità già largamente compromessa”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico