Orta di Atella

Puzza: “Siamo 1303 cittadini di serie B”

EurocompostORTA DI ATELLA. Riceviamo e pubblichiamo la lettere inviata da una nostra utente sulla situazione Eurocompost a cui il Tar, nel frattempo che lo stesso si pronunci, ha concesso la riapertura provvisoria.

“Il 1 settembre – scrive la nostra lettrice – è stata consegnata al Comune la petizione popolare con protocollo numero 17389 riguardante la protesta contro l’Eurocompost e firmata da 1303 cittadini di Orta di Atella. Inoltre, non dimentichiamo l’ordinanza di chiusura di 30 giorni imposta all’azienda, periodo nel quale si dovevano fare tutti i controlli necessari alla verifica delle concessioni accordate all’Eurocompost. Tutto questo sembrava ‘una boccata d’aria fresca’, ma così non è stato, perché anche quell’attimo di repiro 30 giorni ci è stato negato: l’azienda ha fatto di nuovo ricorso al Tar, che nel frattempo dia la sua pronuncia (condanna x noi?), ha concesso il permesso alla riapertura! A questo punto, mi chiedo se noi, 1303 cittadini, valiamo qualcosa per le istituzioni di questo paese, al quale versiamo le tasse e dal quale dovremmo ricevere la tutela, sia per la nostra salute, sia per la nostra dignità. Siamo stanchi di essere trattati da cittadini di serie B!”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico