Orta di Atella

Puzza, Caputo (Pd) chiede intervento della Regione

Nicola CaputoORTA DI ATELLA. Fronte Eurocompost. A scendere in campo per promuovere l’esigenza di un intervento da parte dell’assessore all’Ambiente Walter Ganapini è il consigliere regionale del Pd Nicola Caputo.

Sull’aria irrespirabile e sui notevoli disagi dei cittadini, Caputo chiede che venga fatta chiarezza e che venga promossa un’accurata indagine, soprattutto per valutare in che modo i miasmi, la cui provenienza viene attribuita all’azienda che produce concimi da biocompostaggio, influiscano sulla salute della popolazione. “I cittadini sono esasperati e bisogna trovare al più presto una soluzione”, sostiene Caputo che del “diritto ad avere un’aria che non sia nauseante”, dice “credo che non si possano avere perplessità. Si tratta di un bene che dovrebbe essere scontato, ma che purtroppo invece deve essere richiesto con presidi e manifestazioni”. Dallo scorso 20 settembre, data designata per il puzza day, la grande manifestazione contro l’Eurocompost che ha portato in strada circa tremila persone, è stato tutto un susseguirsi di proteste. Ma, nonostante la mobilitazione collettiva, la petizione popolare con la raccolta di tremila firme per dire no alla puzza e nonostante le ordinanze comunali di chiusura dell’azienda la soluzione al problema resta ancora lontana. “Le istituzioni devono utilizzare ogni strumento per garantire la vivibilità dei territori e per salvaguardare la salute pubblica. E’ per questo – annuncia Caputo, primo consigliere regionale a prendere posizione sulla delicata questione ortese – che resterò vigile sul problema e solleciterò l’immediato intervento dell’assessorato regionale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico