Italia

Trani, anziani muore sbranata da un branco di randagi

DobermanTRANI. Tragedia a Trani, in Puglia. Una donna di 84 anni, Ersilia Maldera, di Andria, è morta dopo essere stata azzannata alla testa e alle braccia da un branco di randagi all’esterno di un allevamento di cani razza “corso” di proprietà del nipote.

Immediatamente soccorsa e trasportata in ospedale, l’anziana è morta nella notte a seguito delle gravi ferite riportate. I carabinieri della Stazione di Trani stanno ora svolgendo accurate indagini al fine di chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto e, intanto, hanno sequestrato l’azienda agricola di Riccardo Malcangi, nipote della vittima, e il canile ospitato all’interno, convenzionato con la Asl Bat, dove si trovano alcune centinaia di cani, qualche decina di gatti e animali da cortile. Secondo Malcangi,i cani randagi sisarebbero avvicinati al recinto dell’azienda e avrebbero disturbato gli animali all’interno. Per allontanarli sua nonna sarebbe uscita e i randagi l’avrebbero aggredita.

Un’altra tragedia si stava per verificare a Rubiera, in provincia di Reggio Emilia. Una ragazzina di dodici anniè stata azzannata al collo e a una gamba da un dobermann. Il cane, insieme a un altro dobermann sempredello stesso padrone, ha uccisoil cagnetto della ragazzina. Da quanto si è appreso, la ragazza stava portando in giro il suo cane con il guinzaglio per le stradine di Rubiera quando è stata aggredita dall’animale. All’improvviso al centro della strada è apparso un gatto. Dall’altra parte della strada c’erano due enormidobermann, al guinzaglio del loropadrone. Forse per la vista del gatto, uno dei due grossi cani siè liberato. Il gattoè scappato e l’animale ha cambiato bersaglio,andando contro il bastardino. La bambina, per proteggerlo, lo ha preso in braccio. Il cane, allora, l’ha azzannata provocandogli ferite al collo e alla gamba, giudicate fortunatamente non gravi dai medici che l’hanno soccorsa mediatamente. Quando la povera piccola ha lasciato andareil suo cane, i due grossi dobermann lo ha azzannato e ucciso. I carabinieri stanno ora cercando di ricostruire la dinamica dei fatti per accertare eventuali responsabilità del proprietario dei due cani. La piccola, sconvolta per la perdita del cagnolino,è stata medicata all’ospedale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico