Castel Volturno - Cancello ed Arnone

La Domitiana dove non c’è strada non c’è civiltà

La Domitiana CASTEL VOLTURNO. Nel corso della manifestazione per la legalità di sabato 27 settembre, dopo i drammatici eventi che hanno flagellato quel territorio che sembra diventato ormai terra di nessuno, è stato proiettato il documentario “La Domitiana dove non c’è strada non c’è civiltà”, diretto da Romano Montesarchio e prodotto da Gaetano Ippolito, con la fotografia di Carlo Sgambato.

Il film documentario, attraverso il racconto ed il vissuto dei suoi personaggi, racconta la storia millenaria di questa strada e di come, in tempi recenti, si sia trasformata in una paradossale terra di nessuno, dove negli anni i fenomeni criminali e di disagio sociale si sono sviluppati rigogliosamente, senza che lo Stato abbia realizzato, e nemmeno pianificato, alcun programma di risanamento.
Attraverso il racconto della storia della Domitiana entreremo nei luoghi di smercio della droga, osserveremo i rituali della prostituzione, ma vedremo anche abbandonati siti archeologici, spiagge colorite, campi di golf e lussuosi alberghi. Viaggeremo negli autobus stipati di “neri” e parteciperemo a manifestazioni a piedi di “bianchi” contro l’illegalità, passando per agguerriti consigli comunali e sfarzose serate di gala a tema cinematografico.
Il produttore del documentario, Gaetano Ippolito, ha dichiarato: “L’essenza della Domitiana, come dice Romano (il regista)è tutta nella frase di uno dei personaggi del film quando dice che la Domitiana è riuscita nell’operazione di trapiantare il modello del Terzo Mondo nel cuore dell’Italia. Questa credo che sia una delle verità più sconcertanti di questo territorio ormai segnato da questo ineluttabile destino”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico