Carinaro

Masi: “Insieme e Comparone vomitano solo veleni”

Mario Masi CARINARO. “In politica anche la polemica serrata diventa un fatto positivo perché favorisce il confronto che è il sale della democrazia. Se, però, la polemica si alimenta di menzogne, essa diventa strumentale e perciò va respinta”.

Così il sindaco Mario Masi e l’amministrazione comunale esordiscono nel replicare al recente manifesto dell’associazione “Insieme”, che ne ha criticato aspramente l’operato.

“In questi giorni c’è chi nel paese vomita veleni sull’amministrazione, presentata come una squadra intenta a coltivare clientele politiche”, scrive la maggioranza Masi, che rincara la dose: “Il circolo ‘Insieme’, non avendo idee e proposte, cerca di alzare polveroni per attirare attenzioni. In materia di ‘clientela politica’ non può dare lezioni a nessuno, se è vero che il suo più autorevole rappresentante, qualche anno addietro, conseguì incarichi, lautamente pagati, nel consorzio GeoEco e nell’Asi, grazie al sistema clientelare e spartitorio che all’epoca imperava”.

Sotto il fuoco dell’amministrazione finisce anche l’ex sindaco Massimo Comparone, oggi leader di gruppo di opposizione dell’Udc: “Ancor più grave, poi, è l’atteggiamento di una parte dell’opposizione, quella di Comparone, che risvegliatasi dal letargo di un’opposizione sterile e inconcludente, cerca di recuperare miseramente qualche voto, alterando la verità”.

E proprio per spiegare la “verità”, che Masi & Co. fanno alcune precisazioni sulle tematiche oggetto delle accuse dell’associazione “Insieme”.

A cominciare dal servizio civile e dalle critiche relative alla selezione dei giovani: “Nella commissione di valutazione non c’era alcun amministratore, ma soltanto persone di fuori paese, alcune delle quali appartenenti al mondo del volontariato. Domandiamo: – Quale colpa ha l’amministrazione se tra i 24 vincitori ci sono alcuni che hanno parentele con i dipendenti comunali (quattro) o con amministratori (tre). – Chi e perché avrebbe dovuto impedire la riuscita di questi ultimi se, per ipotesi, gli stessi avevano ottimi titoli culturali, professionali e motivazionali? – Perché non si parla anche degli altri 17 idonei? Quelli del circolo ‘Insieme’ e lo stesso ‘gruppo Comparone’, visto che tra i vincitori ci sono persone a loro vicine, per parentela o appartenenza politica, provino a chiedere a queste se, per ottenere l’idoneità, si siano raccomandati a qualcuno. Questa Amministrazione, da alcuni anni, è una delle poche in tutta la provincia che presenta progetti nel settore, garantendo servizi importanti per disabili e non autosufficienti, nonché un reddito per i giovani disoccupati del paese”.

Poi il capitolo lavori pubblici: “Le ditte di Carinaro non hanno avuto alcun affidamento diretto. I lavori sono stati concessi, con gare d’appalto cui sono state chiamate a partecipare tutte le ditte di Carinaro, a quelle che hanno offerto un ribasso più vantaggioso”.

E infine gli incarichi tecnici: “Con questa Amministrazione, cosa mai successa, hanno lavorato tutti i professionisti del paese. Gli incarichi più importanti sono stati affidati tutti con gare ad evidenza pubblica; quelli meno importanti, cui si riferisce il consigliere Comparone, sono stati dati, nel rispetto della legge del regolamento, con determina del dirigente dell’Ufficio tecnico comunale a tutti i giovani professionisti di Carinaro che non avevano mai lavorato con il Comune, indipendentemente dalle loro simpatie politiche. E senza escludere nessuno”.

Il sindaco e l’amministrazione annunciano che tra pochi mesi presenteranno il proprio consuntivo: “Un bilancio fatto di realizzazione, di opere, di obiettivi raggiunti e di programmi avviati. Su questi risultati chiederà il giudizio del popolo”.

“Stia pur certo il consigliere Comparone – concludono lanciando un’ultima stoccata all’ex sindaco – che il consuntivo presenterà questa amministrazione sarà mille volte più ricco di quello che egli presentò alla fine della sua sindacatura, una pagina incolore della storia del paese, di cui nessuno si ricorda più”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico