Aversa

Parisi si sospende dal Pd: “C’è poca serietà”

Rodolfo Parisi AVERSA. “Fino ad un chiarimento, definitivo e vero, mi sospendo dal Pd e da ogni attività di Partito e del Gruppo Consiliare alla Provincia”.

Si chiude con queste parole una durissima lettera che il consigliere provinciale aversano Rodolfo Parisi ha inviato ai segretari regionale e provinciale del Pd, Tino Iannuzzi e Enzo Iodice, al presidente della provincia Sandro de Franciscis e al capogruppo dello stesso partito Pietro Paolo Ciardiello. Occasione dell’ennesima presa di posizione di Parisi la vicenda della nuova giunta provinciale. “Non varrebbe neppure la pena di soffermarsi su di essa, – scrive il professionista aversano – tali sono stati lo scandaloso scontro tra antichi personaggi e vecchi personalismi, la mancanza di qualsiasi criterio politico ed istituzionale per risolvere una crisi così prolungata, la mancanza di qualsiasi equilibrio territoriale nella composizione della medesima e la mancanza assoluta di un confronto politico e progettuale sulla necessità di rilanciare una forte azione di governo nei territori della Provincia”.

Ma la delusione di Parisi viene da lontano. La nota, infatti, inizia con un’analisi più vasta: “La nascita e i primi mesi di vita del Pd in Provincia di Caserta hanno totalmente deluso coloro che, come me, credevano nella costruzione di un partito radicato nel territorio, democratico nella vita interna e rispettoso delle regole. Tutto ciò non è stato e non è. In Provincia di Caserta abbiamo assistito al trasferimento nel Pd di tutti i personalismi, le clientele, i gruppi organizzati, le tessere inesistenti, la violazione delle regole, la mancanza di equilibrio politico e la mancanza di insediamento territoriale, già esistenti in precedenza in Ds e Margherita”.

Per il consigliere ex Ds, inoltre: “Non esiste alcun tentativo di organizzare un partito serio, una seria rappresentanza ed una sua seria cultura di governo. In particolare, la vicenda relativa alla elezione del coordinamento politico e del segretario comunale nel Pd di Aversa ha ratificato una manovra di singoli personaggi, che non avevano partecipato o neppure presentato liste alle primarie, che hanno stravolto l’equilibrio politico ed elettorale uscito dalle primarie stesse, trasformando la maggioranza, sancita dal voto, in minoranza nel coordinamento cittadino”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico