Aversa

Parcheggi, l’assedio degli abusivi

ParcheggiAVERSA. C’è chi si accontenta di «un’offerta a piacere», chi ha un tariffario fisso, variabile da uno a cinque euro.

Fenomeno in costante crescita quello dei parcheggiatori abusivi che controllano in maniera capillare il territorio, taglieggiando l’automobilista «costretto» a pagare l’obolo per evitare i danni di ritorsione all’autovettura, spesso minacciati.La geografia del racket della sosta è precisa. Piazza Marconi, a pochi passi dagli uffici del giudice di pace e dal nuovo tribunale, in corso di riqualificazione: qui, quotidianamente, gli avvocati lasciano la custodia dell’auto ai due-tre abusivi che si dividono la zona. La piazza, uno slargo immerso nel degrado, in attesa di una riqualificazione da tempo promessa ma non ancora realizzata, non ha ‘strisce blu’: i luoghi, le modalità e il prezzo della sosta sono decisi unicamente dagli abusivi. Anche in viale Europa, proprio davanti agli uffici postali, la sosta è affidata ai parcheggiatori non autorizzati. Il discorso non cambia se ci sposta in altre zone della città. Piazza Mazzini, via Salvo d’Acquisto, via Botticelli, viale Kennedy, l’intero rione della Trinità: sono questi i presidi fissi per gli abusivi dove è praticamente impossibile sostare senza sborsare la ‘mancia’. Ma ci sono anche zone dove l’automobilista è sottoposto ad una doppia vessazione, quella della sosta regolare e quella abusiva. In piazza Bernini, infatti, non lontano dalla stazione dei carabinieri, sede di uffici ed esercizi commerciali, gli ausiliari del traffico convivono a pochi passi dagli irregolari. La situazione diventa ancora più insostenibile nelle ore serali, quando tutte le strade della ‘movida’ diventano terreno fertile e lucroso per gli abusivi. «Non sono d’accordo – spiega il comandante dei vigili urbani Stefano Guarino – con la linea dura decisa dal mio collega napoletano. Ritengo eccessiva l’imputazione del reato di ‘favoreggiamento reale’ per chi paga la sosta all’abusivo. Chi viene taglieggiato è una vittima da difendere, non un complice da punire». In città, una sola volta è stato sanzionato, con un’ammenda pecuniaria pari a settecento euro, un abusivo della sosta che, poi, puntualmente, è ritornato al suo posto. «È complicato – spiega Guarino – cogliere in fragranza di reato chi chiede illecitamente il pagamento della sosta, perché, trattandosi di un reato amministrativo e non penale, il soggetto non può essere perquisito. Si tratta, comunque, di un problema sociale particolarmente diffuso laddove, come nell’agro aversano, più forte è l’emergenza occupazionale. E non può essere sottovalutato l’enorme flusso di denaro che, in questo modo, arriva nelle mani della camorra. La soluzione non è dietro l’angolo – conclude il comandante – è necessaria la continuità nell’opera di controllo del territorio. In questo senso, anche i cittadini hanno un compito importante: se tutti rispettassero le regole, le forze dell’ordine avrebbero un maggiore spazio d’azione per il contrasto alla microcriminalità».

da “Il Mattino”, giovedì 25.09.08 (di E.Picone)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico