San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Roano propone “bike sharing” a disposizione cittadini

Antonio RoanoSAN NICOLA LA STRADA. Sono passati due anni da quando il segretario cittadino dei Verdi per la Pace, Antonio Roano, inviò una missiva al sindaco Angelo Antonio Pascariello, con la quale proponeva tre proposte che “si prestano a trovare il più largo consenso, tra maggioranza e opposizione, data la loro semplicità ed il loro carattere concreto”.

Installazione di pannelli solari su tutti gli edifici pubblici della città (scuole, uffici, ecc..); adozione di bus elettrici come trasporto pubblico urbano e adozione di biciclette come nuovo mezzo di trasporto pubblico urbano, erano queste le tre proposte dei Verdi, che, tuttavia, non hanno trovato alcuna soluzione. “Dopo il successo riscosso in numerose città europee – ha affermato Roano, leader del movimento anti discarica sannicolese – è sbarcato a Roma il Bike Sharing, la possibilità cioè di poter utilizzare la bicicletta senza determinare il minimo impatto ambientale. Non capisco perché ciò sia stato possibile a Roma – si domanda l’esponente ambientalista – mentre non è stato possibile applicarlo anche a San Nicola La Strada”. A Roma il progetto pilota, che ha preso avvio lo scorso mese di giugno, prevede 19 postazioni nel centro storico per un totale di 200 biciclette. I romani, lasciando una caparra di 30 euro, scelgono se comprare una carta da 5, 10 o 20 euro che, una volta esaurita, sarà ricaricabile. Con tale card sarà possibile ritirare automaticamente una bicicletta. Le bici si ritirano presso le colonnine dove sono assicurate grazie al lettore ottico collegato alla card. La prima mezz’ora è gratuita, la seconda costa un euro, la terza due e così via, fino ad un massimo di quattro ore. Inoltre è possibile ritirare una bici in una postazione e lasciarla in un’altra. “Il bello – sottolinea Roano – è che l’iniziativa non costa nulla al Comune di Roma; l’azienda spagnola Cemusa ha offerto gratuitamente il progetto. Il ricavato della vendita delle card, viene utilizzato dal Comune di Roma per la manutenzione dei mezzi di trasporto e delle colonnine. Perché il mio progetto incontra tante difficoltà ?”. Giriamo la sua domanda all’amministrazione comunale, nella speranza che l’assessore alla Viabilità Domenico Palumbo possa fare propria la proposta di Roano. In pratica, in alcune zone strategiche della città andrebbero posizionate le stazioni delle biciclette, cui gli utenti potrebbero accedere con un sistema automatizzato come ad esempio una chiave elettronica di riconoscimento che consenta lo sbloccaggio di una bicicletta.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico