Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Taglialatela presenta “A Scuola di Legalità”

Antonio TaglialatelaMONDRAGONE. “A scuola di Legalità”, questo il titolo del progetto “Scuole Aperte 2008/2009” presentato dalla istituzione scolastica “Mondragone Terzo” e approvato dalla Regione Campania.

Il fattivo impegno del dirigente scolastico, dottor Ignazio Del Vecchio, con partner principale l’Amministrazione Comunale nella persona dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, Antonio Taglialatela. L’istituzione scolastica proponente sarà Mondragone Terzo, soggetti partner, invece, saranno: scuola secondaria “Leonardo Da Vinci”, con il professor Carmine Del Prete quale coordinatore interno, “Centro Laila Onlus”, con Angelo Luciano, Parrocchia di “San Gaetano Thiene” con il parroco Don Guido Cumerlato, il Coordinamento Genitori Democratici con Salvatore Napoli, l’associazione sportiva “Arena Club” e, infine, l’Associazione Futura con Riccardo Luberto. A margine di ciò, sulla scorta dell’ottimo lavoro svolto e del grande successo ottenuto nello scorso anno, grazie ad Antonio Di Tucci, già docente e vicario d’istituto, Margherita Iuliano, coordinatrice del progetto, Giulia Colapietro e Maria D’Eugenio, tutor interni del progetto, a completamento di un percorso progettuale con “La scuola che avvia alla Legalità…”, si è riusciti a costruire, quest’anno, un grande lavoro di sinergia tra Amministrazione e Scuola, arricchendo così l’opera già meritoria di Mondragone Terzo, riuscendo dunque a completare un cammino didattico-culturale, proponendo un forte messaggio educativo quale la Legalità e Giornalismo, all’interno di una realtà locale già sofferente.

“A nome dell’Amministrazione posso essere solo onorato che anche per quest’anno la Regione Campania ha voluto riconoscere l’ottimo lavoro svolto da Mondragone Terzo. – afferma l’assessore Taglialatela – Oggi, però, il nostro impegno richiede un rinnovato rapporto con le istituzioni scolastiche, da instaurarsi mediante l’istituzione di momenti formalizzati per l’elaborazione e la cogestione di progetti utili all’intera comunità. L’ampliamento e la differenziazione dell’offerta formativa vanno viste sempre in rapporto allo sviluppo del territorio e alla crescita sociale e civile della nostra comunità scolastica e territoriale. Istituzioni scolastiche e Amministrazione comunale – prosegue l’esponente della giunta Cennami – dovranno tendere ad una collaborazione sempre più stretta nella gestione della domanda formativa e nel confronto con tutte le agenzie formative presenti sul territorio, nella consapevolezza che il Comune, rispetto alla scuola, ha un obbligo di lettura del territorio molto più ampia ed oggettiva e una conoscenza più diretta ed analitica di tutti i soggetti che possono relazionarsi con la Scuola. Offerta formativa qualificata, sostegno all’autonomia scolastica e integrazione dei processi formativi sono le tre funzioni che insieme dovremo assolvere attraverso un dialogo continuo e costruttivo – conclude Taglialatela – nel pieno interesse di un servizio pubblico di qualità sul quale si investirà maggiormente nei prossimi anni per la formazione delle nuove classi dirigenti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico