Italia

Maltempo, due morti e danni ingenti in Friuli

vigili del fuocoGRADO (Gorizia). Due turisti norvegesi sono morti a Grado, in provincia di Gorizia, a causa del violento nubifragio che si è abbattuto ieri sera sulla località turistica friulana.

Si tratta di Stale Nilds Hammer, di 44 anni, e di suo figlio Dastrom, di otto. La madre, che era con loro nella tenda del camping ‘Al bosco’, è rimasta invece illesa. Da quanto si è appreso, i tre stavano dormendo incampeggio quando un albero, spinto dal vento, si è abbattuto sulla loro tenda. Il camping èstato sgomberato ed i 150 ospiti sono stati portati nel palasport della cittadina lagunare.

Sempre a Grado una terza persona, un 61enne,è rimasta gravemente ferita dopo essere stata colpita da un ramo staccatosi da un albero. L’uomo, trasportato nella notte all’ospedale di Grado,è stato poi trasferito a Udine. Ma nonè in pericolo di vita.

Il sindaco di Grado, Tiziana Olivotto, ha intanto sconsigliato i turisti diretti a Grado di raggiungere la località nelle prossime ore.

Intanto, la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia ha allertato 150 volontari che da ieri sera sono all’opera a Grado, Palazzolo dello Stella, Marano e Lignano. I danni, provocati dal nubifragio e dalla tromba d’aria sarebbero molto ingenti. Colpiti diversi impianti turistici, abitazioni private, strutture pubbliche, tra cui l’ospedale di Latisana, il cui tetto si è scoperchiato (si sta provvedendo a ricoprirlo con teli di nylon), monumenti storici, come il Castello di Duini, vicino a Trieste, ed altre strutture viarie della zona.

Il presidente della Regione, Renzo Tiondo, ha annunciato di voler richiedere lo stato di calamità naturale, come riferito dall’assessore alla Protezione civile Vanni Lenna.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico