Esteri

Afghanistan, governo denuncia strage di civili

Strage di civili in AfghanistanKABUL. Il ministro degli Interni afgano denuncia che l’esercito alleato ha ucciso 76 civili, di cui 50 bambini e ragazzi di età inferiore ai 15 anni e 19 donne, durante un bombardamento aereo la scorsa notte nel distretto di Shindand, nella provincia occidentale di Herat.

Il governo afgano ha annunciato di aver avviato un’inchiesta. Una versione che contrasta decisamente quella fornita dall’Isaf che aveva parlato di aver ucciso trenta “insorti” senza colpire la popolazione civile.

Stamani, nei pressi di Kabul un soldato della coalizione è morto, mentre tre alpini italiani sono rimasti feriti, in modo non grave, durante un’esplosione nei pressi di Kabul. Erano 7.20 ora locale (le 4.50 in Italia) quando un mezzo VM90, protetto del contingente italiano e incaricato per un’operazione di bonifica, è stato investito da un’esplosione in una zona rurale a circa 20 chilometri a nord da Kabul. Gli italiani feriti sono un alpino del 9/o Reggimento dell’Aquila e altri due del 2/o Reggimento genio guastatori di Trento. A provocare l’esplosione probabilmente un ordigno rudimentale comandato a distanza, che ha colpito la parte posteriore del VM.

Sono 41 i soldati delle forze internazionali (Enduring Freedom e Isaf) morti in Afghanistan dall’inizio di agosto, altri 49 sono stati uccisi nel solo mese di giugno. Martedì scorso erano stati uccisi dieci paracadutisti francesi in un’imboscata dei talebani a Surobi. Secondo quanto riferisce PeaceReporter quattro dei dieci parà sono stati decapitati, stessa sorte che era toccata a due dei nove soldati Usa uccisi dai guerriglieri lo scorso 13 luglio nella provincia orientale di Kunar.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico