Caserta

Scioglimento consorzi, i sindacati: “Vigileremo su occupazione”

 CASERTA. Momento delicato quello che attraversano, gli ormai ex Consorzi di igiene urbana, soprattutto per quanto riguarda la tematica occupazionale.

“Si tratta di un periodo difficile – dichiara Vittorio d’Albero, coordinatore nazionale e segretario generale della Campania, per la Fiadel, sindacato autonomo, firmatario di contratto – in cui noi vigileremo con grande attenzione per la salvaguardia dei lavoratori, poiché a volte la calura agostana potrebbe fare brutti scherzi a qualche responsabile. Ad incominciare dalle piante organiche e funzionigramma aziendali di tutti gli ex consorzi di bacino che dovranno essere verificate con le organizzazioni sindacali”.

A seguito dei frequenti incontri con i vari rappresentanti sindacali della Fiadel, all’interno dei Consorzi di Bacino, la federazione provinciale di Caserta ha ribadito che in questi giorni verrà stilato una richiesta di incontro con i commissari nominati da Stancanelli, ai vertici dei quattro Consorzi casertani. “Pur comprendo il momento delicato – dichiara Giulio Testore della segreteria provinciale Fiadel – a seguito del provvedimento di scioglimento dei Consorzi di Bacino giunta in data 24 Luglio 2008, che ha creato anche una sorta di caos amministrativo, in quanto ad oggi non sono ancora delineate tutte le posizioni (dalla Camera di Commercio all’Inps e via dicendo) non possiamo non denunciare che il protrarsi di simile situazione creerà enormi disagi sui lavoratori, a cominciare dagli stipendi. Le notevoli mancanze strutturali, oggi in secondo piano, ma che dovranno essere necessariamente affrontate. Così come vanno chiarite definitivamente le posizioni dei comuni morosi, che da anni pur incassando dai cittadini la Tarsu, continuano a non pagare il servizio ma soltanto a pretenderlo. Anche su questo tema andremo nel dettaglio al tavolo regionale, affinché chi ha sbagliato paghi. E chi ha sbagliato, ed i cittadini lo sanno, non sono certo i lavoratori, come qualcuno del mondo politico oggi vorrebbe far apparire. Del resto il mancato pagamento da parte dei Comuni pregiudica, non solo l’erogazione degli stipendi, ma anche i servizi, in quanto è diventata cronica la mancanza di carburante, di mezzi idonei, e persino di sacchetti per la differenziata e le scope per la ramazza. Come sindacato vigileremo, assicurando una assidua presenza, su tutte le operazioni in essere, poiché temiamo qualche blitz all’italiana, che guarda caso succedono sempre nel mese di agosto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico