Trentola Ducenta

Il Nucleo di Valutazione taglia indennità a dirigenti

Municipio di Trentola DucentaTRENTOLA DUCENTA. Meno soldi per i dirigenti comunali. Lo ha deciso il nucleo di valutazione del comune, che questa mattina protocollerà la relazione stilata a seguito di un lungo lavoro di monitoraggio e controllo delle attività svolte dalle sette aree di cui è formato il comune.

La relazione del nucleo di valutazione (composto dal dottor Francesco Di Caprio e dall’avvocato Giuseppe Pellegrino e presieduta dal segretario comunale Luigi Volino), ha “provveduto alla valutazione delle Aree di Posizione Organizzativa con la redazione di una scheda di posizione per ciascuna area, operando una graduazione tra le varie aree a cui dovranno corrispondere diverse indennità di posizione per i dirigenti. Infatti ad ogni punteggio attribuito a ciascuna posizione organizzativa corrisponde l´importo dovuto, quale indennità di posizione, sulla scorta del prospetto contenuto nel manuale di valutazione delle Posizioni Organizzative in vigore nel Comune di Trentola Ducenta”, approvato proprio su richiesta del nucleo di valutazione. Secondo quanto emerso dal lavoro del NdV, i sette dirigenti, che hanno sempre beneficiato del massimo dell’indennità di posizione (solo il responsabile dell’area demografica percepiva di meno), indipendentemente dall’area di appartenenza, dai compiti svolti e dal numero di persone impegnate nel settore, adesso dovranno accontentarsi di molto meno. La cifra, infatti, corrisponderà a dei requisiti precisi, indicati nel manuale, e non sarà più discrezionale. E pare che nessun dirigente sia riuscito per il 2007 a raggiungere i 12.500 euro degli altri anni. Altra novità, che ha aperto anche una piccola parentesi critica nella relazione del NdV, è che per il 2007, ma anche per il 2008, i dirigenti non potranno percepire l’indennità di risultato, vale a dire il premio di merito per il dirigente relativo al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il problema nascerebbe dalla mancanza di obiettivi. “Per quanto concerne la valutazione del rendimento dei Dirigenti, quindi il raggiungimento degli obiettivi esplicitati dal Peg, dobbiamo evidenziare che il Nucleo di Valutazione si trova nella impossibilità di valutare correttamente le prestazioni dei responsabili di area per l´anno 2007. Unico strumento a disposizione era il Peg; strumento che, per evidenti lacune e soprattutto per la mancanza di un Piano Dettagliato degli obiettivi, si è rivelato insufficiente. – Si legge nella relazione – Purtroppo, occorre evidenziare che anche il Peg adottato e approvato per l´esercizio 2008 si rivela assolutamente carente quale documento di indirizzo politico. Infatti, non solo non è stato predisposto il Piano degli Obiettivi, ma ancora una volta il Peg è chiaramente lacunoso per la parte descrittiva. E´ inutile sottolineare che generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi gestionali e li assegna ai responsabili delle Aree”. Non si esclude che le iniziali polemiche nate a seguito della formazione del nucleo di valutazione possano acuirsi dopo che la relazione dello stesso sarà resa pubblica. Non tutti infatti, così come già dimostrato durante il lavoro dei due responsabili, si sono mostrati collaborativi ed hanno accettato di buon grado il controllo.

dal Corriere di Caserta, giovedì 31.07.08 (lc)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico